AS.TRO Assotrattenimento 2007

Processo breve e tutela del sistema del gioco lecito: una lacuna da colmare

Come diffuso dagli organi di stampa, il disegno di legge sul c.d. processo breve in discussione al Senato prevede l’estinzione del dibattimento a carico degli imputati, qualora non si rispettino i contingentati tempi di celebrazione della causa previsti dalla novella normativa.
Unica salvaguardia per la prerogativa statale di perseguire “con tutto il tempo necessario” i reati ritenuti più gravi è la previsione di un elenco di fattispecie penali escluse dall’ambito di applicazione delle nuove disposizioni. Nessuna delle norme a tutela del sistema del gioco lecito, ed in particolare i reati di truffa ai danni dello Stato, truffa telematica e raccolta abusiva di scommesse risulta essere stata considerata nell’elencazione di fattispecie meritevoli di tempi processuali non contingentati. Per questo motivo, il Centro Studi AS.TRO rivolge un appello a tutte le Forze Politiche e all’Amministrazione Finanziaria affinché producano ogni più utile iniziativa e attività, idonee ad introdurre una ulteriore serie ipotesi di esclusione dall’ambito di applicazione delle nuove norme sul c.d. processo breve, che tuteli il sistema del gioco lecito, mantenendo alle previsioni sanzionatorie vigenti una adeguata capacità di prevenzione.
Va da sé, infatti, che le capacità di aggressione agli interessi erariali realizzabili attraverso l’elusione delle norme sul gioco lecito, sono tali da richiedere un livello di attenzione molto alto su fenomeni quali la manipolazione del sistema di gestione telematica degli apparecchi e l’abusivo esercizio di attività quali le scommesse e le lotterie istantanee. Allo stato attuale, ci si limita all’annunciato appello, anche in considerazione del fatto che, forse, il testo presentato al Senato ancora non aveva presumibilmente considerato lo stratosferico volume di affari del gioco lecito gestito pubblicamente dall’Amministrazione Finanziaria, e documentato dai dati solo recentemente resi noti.
La spaventosa incidenza in termini di appetibilità criminale di tale “fiume di denaro”, qualora si rivelasse tutelato da un sistema giudiziario di repressione obbligato a definire il suo lavoro in ragione di un biennio per grado di giudizio, è chiaramente evincibile senza bisogno di articolare sofisticate ricerche criminologiche. La complessità dei processi a carico di chi froda il gioco lecito è tale da richiedere spesso esami peritali e lunghe istruttorie, e non esistono Uffici Giudiziari in grado di garantire la sentenza di primo grado a soli due anni dalla richiesta di rinvio a giudizio: in questi casi affidarsi alla mera ingenuità dei malfattori, ovvero alla loro tendenza ad unirsi in contesti associativi (circostanza che annullerebbe il contingentamento temporale del processo), sottopone 57 miliardi annui, ovvero la tendenziale domanda di gioco che si registra in Italia, ad un rischio eccessivo. AS.TRO, al lavoro anche su questo fronte attraverso il proprio Centro Studi, renderà noto agli iscritti eventuali iniziative mirate per l’ottenimento delle necessarie modifiche al testo del disegno di legge.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.