AS.TRO Assotrattenimento 2007

Confermati per il 2010 gli stessi imponibili forfettari del 2009 per gli apparecchi meccanici o elettromeccanici da divertimento ed intrattenimento

Con il Decreto del Direttore Generale dei Monopoli di Stato n. 398/CGV del 10/03/2010, in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, si confermano anche per il 2010 gli stessi imponibili forfettari dell’imposta sugli Intrattenimenti (e validi anche ai fini dell’Iva) utilizzati nel 2009 per gli apparecchi meccanici o elettromeccanici da divertimento ed intrattenimento.
Nessun aumento delle imposte quindi per il periodo 2010.
Ricordiamo a tal proposito che gli imponibili per il 2009 già con il Decreto Direttoriale dei Monopoli di Stato del 2 febbraio 2009 numero 129/CGV era stato previsto un aumento per adeguare gli imponibili all’ISTAT.
Il DPR 26/10/1972 infatti prevede la facoltà del Ministero dell’Economia e delle Finanze di stabilire annualmente con apposito decreto la misura forfetaria della base imponibile che dal 2005 al 2008 era però rimasta sempre quella individuata per il 2005 dal decreto direttoriale 28 gennaio 2005. Nel 2009 poi erano stati adeguati per la prima volta gli importi all’inflazione con un aumento dell’8,57% pari all’incremento dell’indice indice nazionale prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati – FOI calcolato dall’ISTAT da gennaio 2005 a dicembre 2008 che così era stata calcolata:
Anno 2006 – 2,2%
Anno 2007 – 1,5%
Anno 2008 – 2,9%
Anno 2009 – 2,0%
Totale           8,6%

Nessun aumento pertanto ribadiamo dal 2009 al 2010 essendo gli imponibili già stati adeguati all’inflazione lo scorso anno.
Rimangono invariate anche le modalità di assolvimento dell’imposta che come ribadito all’art. 2 del Decreto “Il pagamento dell’imposta sugli intrattenimenti connessa agli apparecchi meccanici o elettromeccanici è effettuato dal soggetto passivo d’imposta in unica soluzione, secondo le modalità previste dal decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 18 luglio 2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 172 del 26 luglio 2003, entro il giorno 16 del mese di marzo di ogni anno, ovvero entro il giorno 16 del mese successivo a quello di prima istallazione in ragione della frazione di anno residua”.

Riportiamo a tal proposito le basi imponibili e le imposte confermate dal Decreto:

Categoria di

appartenenza

Collocazione tipologica

imponibile forfetario

2009-2010

Isi

8% delI’imponibile

Iva forfettaria

10% (=20%/2)

dell’imponibile

AM1

Biliardo e apparecchi similari attivabili a moneta o gettone, ovvero affittati a tempo

€ 3.800,00

€ 304,00

€ 380,00

AM2

Elettrogrammofono e apparecchi similari attivabili a moneta o gettone

€ 540,00

€ 43,20

€ 54,00

AM3

Apparecchi meccanici attivabili a moneta o gettone, ovvero affittati a tempo: calcio balilla – bigliardini e apparecchi similari

€ 510,00

€ 40,80

€ 51,00

AM4

Apparecchi elettromeccanici attivabili a moneta o gettone, ovvero affittati a tempo: flipper – gioco elettromeccanico dei dardi e apparecchi similari

€ 1.090,00

€ 87,20

€ 109,00

AM5

Apparecchi meccanici e/o elettromeccanici per bambini attivabili a moneta o gettone, ovvero affittati a tempo: congegno a vibrazione tipo “Kiddie rides” e apparecchi similari

€ 520,00

€ 41,60

€ 52,00

AM6

Apparecchi elettromeccanici attivabili a moneta o gettone, ovvero affittati a tempo: gioco a gettone azionato da ruspe e apparecchi similari

€ 1.630,00

€ 130,40

€ 163,00

Ricordiamo che gli importi dell’iva così calcolati in tabella valgono solo per chi ha optato per il regime forfettario iva ai sensi dell’articolo 74 comma 6 del DPR 633/72, nel caso invece di contribuenti che abbiano optato per il regime iva ordinario, l’iva dovrà essere attribuita sugli incassi e calcolata in liquidazione iva del periodo con il metodo iva a debito meno iva credito.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.