AS.TRO Assotrattenimento 2007

Dal nuovo decreto sul gioco online una interessante iniziativa per la responsabilizzazione del gioco

Il recente decreto su “Disciplina dei giochi di abilità nonché dei giochi di sorte a quota fissa e dei giochi di carte organizzati in forma diversa dal torneo con partecipazione a distanza”, è già stato oggetto di molteplici analisi e riflessioni tecniche.
Prime tra tutte, l’impressionante estensione delle potenzialità operative delle piattaforme online dei Concessionari, oramai in grado di allestire veri e propri casinò virtuali, ovvero proporre forme di gioco assolutamente competitive nei confronti degli illegali “punto com”, oscurati al ritmo di migliaia al mese.
Si può forse ragionevolmente sostenere che l’ultimo ostacolo che ancora poteva connotare l’offerta pubblica di gioco come soccombente rispetto alle variegate soluzioni approntate dai casinò virtuali storicamente alloggiati in Paesi a fiscalità agevolata (relativamente alle imposte sui giochi), è stato abbattuto.
Di fronte all’estensione “a tutto tondo” del sistema gioco – lecito, i timori sugli effetti “socialmente impattanti” della industria del gambling si traducono in una normativa che finalmente pone il giocatore in una posizione nuova, di accortezza, di responsabilizzazione.
La previsione secondo la quale l’accesso ai nuovi giochi on line dovrà essere subordinato all’impostazione di un limite economico da parte dell’utente, nonché all’adozione di forme autolimitative della spesa e di dissuasione agli eccessi, veicola un messaggio tanto chiaro quanto innovativo: il gioco pubblico e lecito resterà sempre diverso dal gioco non autorizzato, non solo per la tassazione, ma anche per una progressiva strategia di salvaguardia dell’utenza che persino i Paesi a più antica storia sul gioco hanno sempre evitato di intraprendere. Le Nazioni di impostazione anglosassone risolvono le problematiche sociali legate al gioco “lavando” la coscienza degli operatori con prelievi (più o meno) forzati da devolvere a iniziative (più o meno) mirate a prevenire e curare casi di ludopatia.
L’Italia, con una norma colpevolmente passata inosservata da parte degli addetti ai lavori, ha iniziato, invece, un percorso diverso, che vede il giocatore innanzitutto come cittadino e non solo come cliente. Questa impostazione, assolutamente fisiologica nell’ambito di un sistema regolato dall’Amministrazione Pubblica, parte dal presupposto che il cittadino ha diritto ad essere informato e che una spesa assoggettata a pubblico prelievo (anche se sostenuta per finalità ludiche) deve essere preventivamente contingentata e fatta oggetto di una consapevole scelta.
Così facendo il sistema accetta di perdere l’effetto traino di chi si approccia al gioco senza la consapevolezza di entrare in contatto con prodotti dal potenziale effetto psicologico, compensando l’estensione globale del target (la rete), con un accesso “guidato” al gioco.
Questa soluzione ricorda molto le idee che caratterizzavano la c.d. safe slot (ideata dall’azienda Bakoo in collaborazione con il Centro Studi AS.TRO e il dott. Cavallari) e presentata in occasione del PGS – 2008. Tale macchina esaltava la previsione normativa contenuta nel decreto tecnico sulle new slot di ultima generazione (relativamente alla “facoltà” di impostare limitazioni di gioco da parte dell’utente), attraverso un software premiale che erogava al giocatore più responsabile (che si dotava di auto – limitazioni), opzioni di gioco più attraenti e maggiore qualità dell’intrattenimento.
Il concetto di obbligatoria auto-limitazione preventiva, può pertanto costituire la base sulla quale esperti psicologi e tecnici possono ideare un innovativo protocollo a cui sottoporre tutto il sistema di gioco, trovando soluzioni per equilibrare le libertà individuali (anche quelle potenzialmente scriteriate) con il principio di cautela e sicurezza che deve corredare un prodotto gestito dallo Stato.
L’auspicio è che gli psicologi e i politici ideologicamente schierati verso la preconcetta condanna di ogni forma di pubblico coinvolgimento nel gioco, trovino, in questa novità, l’impulso più corretto per devolvere le loro conoscenze al servizio di una industria che, in Italia, mostra segnali di responsabilità altrove sconosciuti.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.