AS.TRO Assotrattenimento 2007

Ricorrere al Tar per bloccare il recupero del credito da parte del concessionario: quale utilità per il settore?

La cronaca aggiorna spesso il settore sugli esiti di alcune iniziative giudiziarie intraprese da operatori in singole e private questioni, ravvisando, talvolta erroneamente, un interesse generale connesso al potenziale principio di diritto dibattuto nello specifico procedimento.
Il recente caso del Tar Lazio del 25 febbraio scorso, ne costituisce emblema, in quanto ad provvedimento risolutorio di un singolo ricorso amministrativo, intentato per contrastare un’azione di recupero del credito da parte di un Concessionario, si è attribuito il ruolo di statuire “la natura privatistica” del rapporto Concessionario – Gestore.
Ai più attenti non è sfuggito il carattere “lapalissiano” di tale affermazione, peraltro contenuta in un provvedimento dichiarativo della mera inammissibilità di un ricorso che mirava all’affermazione del contrario.
Priva di ogni pregnanza interpretativa, pertanto, e di consequenziale utilità per il settore, è la notizia che gli oggetti del contendere “tra gestore e concessionario” inerenti a pendenze contrattuali specificatamente afferenti all’obbligo di consegna del PREU, si risolvano davanti al Giudice Civile.

Da una non – notizia, AS.TRO prende tuttavia spunto per chiarire la propria posizione su un tema, quello della consegna del PREU al Concessionario, su cui esistono ancora tentativi di affermazione di filosofie da “proletariato dei gestori”.
In qualità di rappresentanza di una categoria di gestori che non ritiene etico allocare il PREU all’interno di dinamiche commerciali, tali da rendere “la quindicina”, un obbligo a data fissa per alcuni e a data variabile per altri, suggerisce pertanto ai propri iscritti alcune linee guida:

  1. Il tempo in cui il gestore poteva agevolmente accumulare pendenze con i Concessionari, inerenti la consegna della raccolta di gioco, va considerato chiuso e relegato ad un momento di non encomiabile comportamento complessivo della filiera, in parte condizionato dalla non eseguibilità da remoto della procedura di blocco delle AWP di prima generazione.
  2. Il gestore c.d. affidabile e serio, è più esposto di altri ai fattori di abbattimento dei ricavi, in quanto, onorando tempestivamente i suoi impegni soffre qualsiasi contrazione (un furto, un cambio di gestione, un guasto) più dei suoi Colleghi a cui una certa “tolleranza di tempistica” viene concessa sistematicamente. 
  3. Il modo corretto di lavorare, per un gestore, è di ricercare nel Concessionario un partner in cui la propria conclamata serietà e affidabilità siano riconosciute, ed eventualmente valutate, in circostanziate ipotesi, come fattori che possono anche legittimare l’applicazione di deroghe contrattuali.

Cosa insegna la sentenza del TAR in questa sede “non commentata”? Prima di investire denaro in iniziative giudiziarie l’operatore può chiedere alla propria associazione di esaminare l’oggetto della sua vertenza con il proprio concessionario, ottenendo un disinteressato parere sugli effettivi margini di perseguibilità di certi percorsi giurisdizionali.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.