AS.TRO Assotrattenimento 2007

AS.TRO collabora con i comuni: ragioni e termini di un impegno sociale

AS.TRO ribadisce il proprio impegno, sia come rappresentanza dei gestori, sia come componente dell’Area giochi e intrattenimento di Confindustria s.i.t., a collaborare con tutte le Amministrazioni Comunali, affinché il GIOCO LECITO diventi una risorsa per il territorio e non una fonte di problematiche.
Per queste ragioni, anche di fronte a scelte amministrative “oggettivamente” non condivise, come la limitazione temporale d’orario di esercizio delle new slot (installate presso i locali muniti di articolo 86 TULPS), adottata, per esempio, dal Comune di Empoli, AS.TRO non sceglie lo scontro o la protesta fine a se stessa, ma un dialogo costruttivo che elimini la situazione di antagonismo tra GIOCO LECITO e Amministrazione Comunale.

Per dialogare e confrontarsi, pertanto, bisogna anche possedere l’umiltà di rispettare le posizioni di chi, al cospetto di situazioni sociali che hanno interessato (e in certi caso allarmato) le strutture e le risorse dell’Amministrazione, ha cercato di attivarsi per affrontarle.
Se per gli addetti al settore è evidente che la scelta di limitare una componente del gioco lecito non costituisce altro che un benefit all’offerta illegale e clandestina del gioco d’azzardo, per una Amministrazione Comunale le contromisure economicamente sostenibili e prontamente attivabili per affrontare socialmente certi fenomeni, non sono poi così tante.

Posto che AS.TRO si è attivata per “far conoscere” al Comune di Empoli l’esistenza di un “settore (anche) socialmente sensibile”, disponibile ad aiutare l’Amministrazione in percorsi alternativi alla limitazione oraria, è chiaro che prima sarà possibile attivare le iniziative di informazione responsabile al pubblico e ai punti vendita, prima si potrà attivare il processo di revisione della ordinanza che spegne le slot nei bar sino alle 14,00 (si badi che prima dell’intervento di AS.TRO l’idea era di fissare alle 17,00 l’orario di accensione).

In breve: più in fretta farà il settore a sostenere un civico percorso di bonifica territoriale che porti il GIOCO LECITO ad essere tutelato, ben distinto dal gioco illegale, e prudentemente distribuito con avvertenze per l’utenza, tanto prima l’Amministrazione potrà constatare la sostenibilità sociale delle awp collegate in rete e gestite in locali dove l’informazione responsabile sia un accettato onere degli esercenti.

Ovviamente c’era una alternativa: quella che ai tempi dei videopoker era la normale prassi di confronto tra operatori e Istituzioni: il ricorso a qualche Giudice e l’instaurazione di battaglie giudiziarie dall’esito aleatorio.
AS.TRO ha preferito scommettere sul lavoro e sulla integrità delle imprese di gestione.
Oggi i gestori seri sono chiamati a sopportare un provvedimento sicuramente non positivo e foriero di ingiuste perdite di incasso, benché porti con sé la possibilità di un maggior controllo nei pubblici esercizi e quindi maggiore sorveglianza sul gioco illegale; l’augurio di tutti è pertanto che tale provvedimento duri il meno possibile, grazie all’impegno messo in campo dagli operatori per informare l’utenza a comprendere “dove finisce il gioco e inizia il problema”.

A qualche collega potrà sembrare che tale “attitudine pedagogica” poco si addica al nostro “duro” settore, ma a nessuno è richiesto di mettersi un camice bianco o di diventar filosofi, bensì solo di rendersi partecipe di un progetto di diffusione di informazioni e di sensibilizzazione degli esercenti.

Del resto, se si è già visto cosa  succede a non far nulla (slot spente sino alle 14,00), lo stimolo per attivarsi non dovrebbe mancare.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.