AS.TRO Assotrattenimento 2007

INPS ex-ENPALS: chiarimenti su assicurazione dei dipendenti di sale giochi, sale scommesse e case da gioco

(A cura di Marco Minoccheri, Consulente Fiscale AS.TRO)

L’INPS, con il Messaggio n. 18526 del 13 novembre 2012, fornendo chiarimenti in merito alla Circolare n. 66/2012 del medesimo, precisa che i dipendenti delle case da gioco, sale scommesse e sale giochi devono essere iscritti alla gestione ex-Enpals, settore spettacolo, solamente nel caso in cui questa attività sia esercitata in via esclusiva dal datore di lavoro.
Pertanto, dispone l’Istituto, se l’attività in esame è esercitata in modo promiscuo (si pensi, ad esempio, alla sala giochi all’interno di un pubblico esercizio) e non vi è distinzione tra tale attività e quella del pubblico esercizio, i lavoratori devono essere assicurati presso l’INPS anche ai fini previdenziali.
Riportiamo uno stralcio del Messaggio n. 18526
Sulla base della circolare n. 66/2010 che prende atto della risposta del Ministero del Lavoro all’ Interpello n. 21/2007 in ordine alle problematiche dell’ iscrizione all’ ENPALS dei lavoratori dipendenti dalle sale giochi, abbiamo acquisito dalla azienda….la dichiarazione di responsabilità circa “l’ esercizio in modo esclusivo dell’ attività di sale da gioco”.
Ciò comporta che i dipendenti devono essere obbligatoriamente iscritti presso l’ ENPALS ai fini previdenziali.
La problematica è la seguente.
Le Sale Gioco devono essere inquadrate nel settore Terziario CSC 70705 ed ISTAT 92.34.2 in quanto la loro attività non è assimilabile a quella delle Case da Gioco. Tale classificazione prevede il versamento dell’ IVS all’INPS.
Né sono assimilabili alle Sale Bingo, per le quali la circolare n.76/2002 ha previsto la classificazione nel settore Terziario C S C 7.07.09 e C A 4J in quanto le modalità in cui viene effettuato il gioco connotano l’ espletamento di attività di gestione di case da gioco, i cui dipendenti, devono essere assicurati all’ ENPALS a norma dell’ art. 3 punto 21) del Dlgs CPS 16/7/47 n.708.
Tale obbligo assicurativo deve intendersi esteso a tutti i dipendenti con qualifica impiegatizia ed operaia, compresi quelli adibiti alle attività di piccola ristorazione e di somministrazione di bevande svolte all’ interno della sala. Diversamente, per le sale giochi , la circolare 66/2010 prevede espressamente, che in caso di impiegati ed operai utilizzati per attività promiscua di sale gioco e pubblico esercizio, essi continueranno ad essere assicurati anche ai fini previdenziali presso l’INPS.
In conclusione il quesito posto riguarda l’inquadramento delle sale giochi che hanno dipendenti che versano l’IVS all’ENPALS.
Risposta
Nel punto 1 della circolare n. 66 del 18/5/2010 è stato chiarito che i lavoratori dipendenti delle case da gioco, sale scommesse e sale giochi devono essere iscritti all’Enpals, sempre che l’attività delle case da gioco, sale scommesse e sale giochi sia esercitata in modo esclusivo dal datore di lavoro.
Da ciò deriva che non sempre tali attività sono esercitate in maniera da dover automaticamente far assicurare i lavoratori dipendenti all’Enpals; questi ultimi, infatti, nel caso in cui l’attività abbia carattere promiscuo (essendo spesso le case da gioco e le sale giochi all’interno o annesse ai pubblici esercizi) e non vi sia autonomia tra tale attività rispetto a quella del pubblico esercizio, continueranno a essere assicurati anche ai fini previdenziali presso l’INPS.
Come precisato sempre al punto 1 della suddetta circolare, le imprese che svolgono questo tipo di attività vanno inquadrate nel settore terziario, sia nel caso in cui i lavoratori siano soggetti al regime previdenziale ENPALS (ai fini del versamento delle contribuzioni minori all’INPS), sia nel caso in cui i lavoratori debbano continuare a essere assicurati anche ai fini previdenziali presso l’INPS.
Nel caso in esame, se ricorrono i presupposti in base ai quali il versamento IVS per i lavoratori deve essere effettuato all’Enpals, alla sala giochi in questione non può essere attribuito il csc 70705, proprio perché tale csc va attribuito alla sala giochi i cui lavoratori debbano rimanere iscritti anche ai fini previdenziali all’INPS (con conseguente versamento anche dell’IVS all’INPS).
Invece, alla sala giochi in argomento andrà attribuito il c.s.c. 70709 con codice Ateco91 74846, con la descrizione di attività di servizi nel settore dello spettacolo (personale iscritto all’Enpals).

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.