AS.TRO Assotrattenimento 2007

Detrazione 55% per lavori di risparmio energetico 2013: entro il 02/04/2013 la comunicazione all’Agenzia delle Entrate per lavori a cavallo dell’anno

Si avvicina il termine per l’invio della comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei lavori di risparmio energetico, effettuati a cavallo tra il 2012 e il 2013, per i quali sono stati effettuati pagamenti nel 2012. La scadenza è il 2 aprile 2013 e riguarda tutti i contribuenti che nel 2012 hanno sostenuto spese per il risparmio energetico detraibili al 55% e non hanno terminato i lavori entro il 31 dicembre 2012.
In realtà la scadenza sarebbe quella del 31 marzo 2013, ma poiché cade di domenica e il 1 aprile é festivo, il termine ha subito uno slittamento naturale al 2 aprile.
Tale comunicazione obbligatoria é un adempimento introdotto con il D.L. n. 185/2008 (conv. L. n. 2/2009) che impone ai contribuenti di comunicare le spese sostenute per  gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti, qualora queste riguardino un intervento che si protrae nel periodo d’imposta successivo.
L’invio deve avvenire esclusivamente per via telematica, direttamente dai soggetti interessati o tramite un intermediario abilitato, entro 90 giorni dalla fine del periodo d’imposta in cui sono state sostenute le spese. Questo significa che il termine preciso del 2 aprile 2013 varrà esclusivamente per i soggetti IRPEF e per i soggetti “solari”.
Il documento deve contenere esclusivamente l’importo della spesa sostenuta nel 2012 (o nel periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2012, per i soggetti “non solari”), ricordando che per identificare tale momento é sufficiente verificare la data del bonifico per i privati cittadini e i lavoratori autonomi in linea con principio di cassa, e il periodo di competenza per tutto il resto delle imprese.
Il modello di comunicazione da utilizzare é quello approvato dal Provvedimento delle Entrate 6 maggio 2009 ed é disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate stesso.
Non sono tenuti a inviare il documento i contribuenti  che hanno intrapreso i lavori nel 2012, ma hanno effettuato il pagamento solo quest’anno e quelli che, pur versando un acconto lo scorso anno, hanno iniziato gli interventi solo nel 2013.
Ma cosa succede se ci si dimentica di tale scadenza? Il mancato invio, come chiarito dalla Circolare 21/E del 23 aprile 2010, comporta una sanzione di importo compreso tra i 258 e i 2.065 euro (previsto dal D.Lgs. n. 471/1997) e non può essere sanata attraverso la remissione in bonis (introdotta dal DL n. 16/2012). Con l’istituto della remissione in bonis, infatti, possono essere sanati solo gli adempimenti e le comunicazioni indispensabili per fruire di benefici di natura fiscale o per accedere a regimi fiscali opzionali, non le omissioni che assumono natura di «mera irregolarità» e dal cui «mancato o tardivo adempimento discenda la sola irrogazione di sanzioni» e non la perdita del beneficio (Circolare 38/E del 28 settembre 2012).
Si ricorda infine che i soggetti IRES, per poter usufruire della detrazione ampia del 55%, dovranno ultimare i lavori entro il giugno del 2013: questo perché il D.L. n. 83/2012 (conv. L. n.134/2012) ha disposto la proroga di tale detrazione IRPEF/IRES del 55% per tutte le spese di riqualificazione energetica degli edifici sostenute fino al 30 giugno 2013. Successivamente, dal 1 luglio 2013 in poi, i soggetti IRES non potranno più beneficiare di alcuno sconto, mentre i soggetti IRPEF potranno beneficiare esclusivamente della detrazione del 36% prevista dall’art.16-bis del TUIR.
Fonte: Giovanni Fanni – Centro Studi CGN

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.