Fisco e Impresa

Contribuenti minimi 2013: come recuperare in Unico 2013 le ritenute d’acconto erroneamente subite

9 luglio 2013 di Marco Minoccheri in Fisco e Impresa

I “nuovi minimi” che si sono visti erroneamente applicare, da parte delle banche, la ritenuta d’acconto del 4% sui bonifici ricevuti per lavori di ristrutturazione edilizia o di risparmio energetico, possono, per il periodo d’imposta 2012, recuperare tali somme direttamente in Unico PF 2013. Con la risoluzione 47/E del 5 luglio, l’Agenzia indica il percorso da seguire, che rappresenta l’alternativa all’istanza di rimborso.
Questa la mappa: il primo step consiste nell’indicare il codice “1” nel campo “situazioni particolari” (lo si trova nel frontespizio della dichiarazione, vicino al riquadro “firma della dichiarazione”), poi, è necessario arrivare al primo modulo del quadro RS e riportare l’ammontare delle ritenute subite, in relazione ai bonifici ricevuti, nella colonna 2 del rigo RS33. Tale rigo di Unico è normalmente dedicato alle ritenute cedute da consorzi d’imprese, quindi, considerata la diversa funzione che assume in questo caso, non andrà compilata la colonna 1, quella che ospita il codice fiscale del consorzio.
Nell’eventualità in cui il contribuente “minimo” dovesse aver bisogno di riportare anche ricevute cedute da consorzi, potrà utilizzare gli atri moduli del quadro RS. Gli importi, così sistemati, potranno essere scomputati al rigo LM13 (quadro LM), ovvero al rigo RN32, colonna 4 (quadro RN).
Il perché dell’intervento dell’Agenzia è nelle norme. Per cominciare, l’articolo 25, comma 1, Dl 78/2010, ha introdotto l’obbligo, per banche e Poste italiane spa, di operare una ritenuta d’acconto del 10%, ora ridotta al 4%, sui bonifici effettuati dai contribuenti per saldare spese deducibili o detraibili.
Nel 2011, con l’articolo 27 del Dl 98, il legislatore ha fissato un regime fiscale di vantaggio che si applica ai contribuenti, con determinati requisiti, che iniziano una nuova attività d’impresa, arte o professione o che l’hanno intrapresa dopo il 31 dicembre 2007. Gli interessati sono, appunto, i “nuovi minimi”. Il principale vantaggio del nuovo regime è rappresentato dal livello di tassazione, particolarmente basso: è prevista l’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle relative addizionali, regionale e comunale, nella misura del 5 per cento. La norma, infatti, è stata pensata proprio per favorire, nonché incentivare la costituzione di nuove imprese da parte dei giovani e di coloro che hanno perso il lavoro e pure per consolidare attività svolte in forma occasionale o precaria.
Poi, considerata l’esiguità della misura dell’imposta sostitutiva, i ricavi e i compensi percepiti dai “nuovi minimi” non sono soggetti a ritenuta d’acconto, compresa quella di cui abbiamo finora parlato. Inoltre, questi contribuenti, hanno dovuto anche rilasciare un’apposita dichiarazione alla banca o all’ufficio postale presso il quale risultano correntisti, così come previsto dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 22 dicembre 2011.
Per questo motivo il nuovo quadro LM, dedicato ai contribuenti in regime di vantaggio, presente nel modello Unico PF 2013, anno d’imposta 2012, non prevede un apposito campo in cui scomputare le ritenute subite.
Pertanto, considerato qualche ovvio disguido nell’applicazione delle differenti disposizioni, con la risoluzione odierna, l’Agenzia ha trovato il modo di risolvere la problematica direttamente in Unico.

Il Giocatore responsabile:
  • 1 - Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • 2 - Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • 3 - Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • 4 - Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • 5 - Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • 6 - Non chiede soldi a credito per giocare
  • 7 - Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • 8 - Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • 9 - Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • 10 - Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
Idee in movimento

“Finché esiste un blocco di potere capitalista, composto dalle mafie e dalla cupola dei concessionari e dei gestori del gioco (assotrattenimento, Confindustria), che vive gonfiando la bolla speculativa del gioco d’azzardo (legale e/o clandestino), regolamentare non servirà a nulla. Non si può ammaestrare una tigre per convincerla a diventare vegetariana!” — http://www.senzaslot.it