AS.TRO Assotrattenimento 2007

AS.TRO replica al deputato Giovanni Sanga

Le dichiarazioni /analisi del deputato in merito al rapporto / correlazione che vi sarebbe tra l’abrogata disposizione della legge n. 190/ 2014 (n.d.a. i 500 milioni di extra-gettito ancora da “vagliare” dalla Consulta), e l’attuale aumento di PREU – AWP dal 17,5 al 19 per cento del COIN IN sono totalmente errate.

Le stesse, infatti, presuppongono che le previsioni di aumento del gettito erariale debbano sempre materializzarsi in decurtazioni oggettive di ricavi, assumendo la singolare funzioni di “punizione” e non già di incremento della fiscalità.

La legge n. 190/ 2014 “aveva” disposto che all’Erario spettavano 500 milioni di extra-gettito per 3 anni. Il primo anno li ha incassati (quantomeno nella parte di competenza dai gestori AS.TRO), il secondo anno ne ha incassati il doppio (aumentando del 4,5% il PREU), ed ora si appresta a bissare quella cifra aggiungendovi altri 200 milioni.

Il fulcro della questione, pertanto, non è la “ricerca” di uno strumento normativo che “renda effettivo e non compensabile dal pay out” – per il gestore di AWP – una perdita di esercizio di 500 milioni l’anno (se così mai fosse la questione avrebbe rilevanza penale), bensì un’altra: il motivo dell’aumento della “ESIGENZA DI FISCALITA’” che l’Erario nutre nei confronti dei soli apparecchi per il gioco lecito, senza coinvolgere in modo “uniforme” tutti i prodotti di gioco pubblico, in primis quelli che proprio dalla legge n. 208/ 2016 hanno ricevuto il “regalo” del passaggio alla tassazione sul margine (con aliquote generosamente allineate ai valori europei più tenui), e per finire quelli che – negli ultimi 10 anni – non sono stati interessati da manovre fiscali incidenti sulla marginalità.

Riassumendo:

  1. i 500 milioni sono stati pagati da tutti gli operatori che – per posizionamento istituzionale (e non per “ammiccare” al Governo) – rispettano la Legge, e che, senza nulla togliere a chi ha legittimamente adito la Magistratura (in opposizione ad una norma ritenuta sbagliata), non hanno l’abitudine di contrapporsi al “titolare” del prodotto gioco pretendendo poi di lavorarci assieme in armonia. Anche in questo settore, pertanto, trova conferma la regola tutta italiana secondo la quale “il non pagare mai è una virtù, pagare sempre è da ingenui.

  2. I 500 milioni si sono trasformati in 980 nell’anno successivo, per via dell’aumento PREU

  3. I 980 milioni, quest’anno, aumenteranno di altri 200 (almeno), per via di un ulteriore aumento PREU.

Così stando le cose, la vera questione che va spiegata agli Italiani, agli Enti Locali, e agli operatori (italiani e europei) che in Italia fanno impresa lecita, con il prodotto gioco dello Stato (evocata proprio oggi dall’A.D. spagnolo di Codere Network, Alejandro Pascual) è la seguente:

ci sarà mai un “limite di tassazione oltre il quale non si andrà, oppure stiamo solo percorrendo un iter che vede l’Erario come tendenziale incassatore di tutta la spesa di gioco degli utenti, con ripudio della “funzione imprenditoriale” della distribuzione del prodotto (e conseguente negazione del diritto al ricavo) ?

La sensazione è che si versi già nella seconda ipotesi, e che detto “disegno” sia funzionale ad una ben precisa idea di semplificazione del sistema che passi, dall’attuale “circuito industriale”, ad un unico general contractor cui affidare (sulla falsariga di quanto già accaduto nelle “giovani” democrazie dell’est Europa) “la patata bollente del gioco”, senza concorrenza, e quindi con poche pretese “industriali”, e senza la zavorra dei “lavoratori”.

Solo un disegno di questa natura giustificherebbe l’ossessione governativa sull’azzeramento dell’unico segmento ad alta incidenza di lavoro e la pervicace tutela di quella “pubblicità” che sta spostando il mercato dal gioco terrestre (malvisto dagli Enti locali) verso l’on line (malvisto dagli psichiatri, che però contano molto meno degli Enti Locali), che già catalizza (in co-abitazione con le lotterie istantanee) il 90% delle preferenze di gioco delle giovani generazioni.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.