AS.TRO Assotrattenimento 2007

Dichiarazione IVA omessa/erronea: l’Agenzia delle Entrate invia lettere per consentire il ravvedimento

(a cura del dottor Marco Minoccheri, consulente fiscale AS.TRO)

Con Provvedimento 3 maggio 2017 l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione del contribuente, tramite gli indirizzi di Posta Elettronica Certificata o all’interno dell’area riservata dell’Agenzia delle Entrate, denominata “Cassetto fiscale”, le informazioni e gli elementi che segnalano la mancata presentazione della dichiarazione IVA per l’anno d’imposta 2016, oppure l’erronea presentazione della stessa con la compilazione esclusiva del quadro VA.

In particolare, il provvedimento ha fornito le modalità con cui il contribuente può regolarizzare errori od omissioni e beneficiare della riduzione delle sanzioni previste per le violazioni in oggetto A tal fine l’agenzia delle Entrate mette a disposizione dei contribuenti le informazioni in suo possesso dalle quali emergono omissioni o anomalie riguardanti le dichiarazioni fiscali, in modo che gli interessati possano rimediare o spiegare le irregolarità riscontrate.

In relazione alle dichiarazioni Iva 2017 relative all’anno d’imposta 2016, il provvedimento del 3 maggio 2017 individua le modalità con cui l’Agenzia comunica agli interessati le incongruenze rilevate e rende disponibili i dati a contribuenti e Guardia di finanza.

In particolare, destinatari delle comunicazione sono i soggetti che, secondo le informazioni presenti in Anagrafe tributaria, hanno: partita Iva attiva; presentato la dichiarazione 2016 (relativa al periodo d’imposta 2015); omesso la dichiarazione 2017 (relativa al periodo d’imposta 2016) oppure presentato la dichiarazione 2017 compilando il solo quadro VA del modello.

Le lettere di allerta, precisa il provvedimento, contengono:

– il codice fiscale e le indicazioni anagrafiche del contribuente

– l’identificativo della comunicazione e l’anno d’imposta

– la dichiarazione Iva 2016

– la dichiarazione Iva 2017 (se presente in Anagrafe tributaria)

– il protocollo e la data di invio delle due dichiarazioni trasmesse.

L’amministrazione, inoltre, nel caso in cui non risulti pervenuta la dichiarazione 2017, avverte del fatto il contribuente ancora in attività alla data del 28 febbraio 2017.

La comunicazione arriva ai destinatari tramite Pec, ma è anche consultabile all’interno del proprio “Cassetto fiscale”.

Il contribuente ricevuto l’avvertimento, può chiedere, con le modalità indicate nella comunicazione, maggiori informazioni sui rilievi emersi oppure segnalare eventuali elementi, fatti e circostanze sconosciute che motivano le anomalie.

Se la segnalazione di omessa dichiarazione è fondata, la violazione è ancora ravvedibile, provvedendo all’adempimento entro 90 giorni dal 28 febbraio 2017 (data entro la quale il modello andava presentato) e pagando le sanzioni in misura ridotta.

Invece, nell’ipotesi in cui sia stato compilato soltanto il quadro VA, i contribuenti possono regolarizzare la loro posizione avvalendosi della rinnovata disciplina del ravvedimento operoso (articolo 13, Dlgs 472/1997), che prevede la riduzione delle sanzioni in misura graduata a seconda del tempo trascorso tra la commissione della violazione e l’intervento correttivo.

I destinatari delle comunicazioni per la compliance, infatti, possono dare seguito agli alert del Fisco, usufruendo dei benefici descritti, anche se la violazione è stata già constatata o nel caso in cui siano iniziati, nei loro confronti, accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di controllo, di cui hanno avuto formale conoscenza.

Le soluzioni “scontate” non possono, invece, essere applicate dopo la notifica di un atto di liquidazione, di irrogazione delle sanzioni o, in generale, di accertamento oppure dopo aver ricevuto una comunicazione di irregolarità a seguito dei controlli automatizzato o formale.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.