AS.TRO Assotrattenimento 2007

Le singolari sfaccettature dei marchi regionali “no – slot”

il mio bar non ha le slot, abbassatemi l’IRAP, la TARSU-TARI-TASI, e fatemi accedere ai fondi a titolo perduto per il rinnovo locali”.

Questo è il JINGLE che in alcuni Uffici inizia a suonare, insistentemente, soprattutto da parte di quei titolari di punti vendita che non hanno (o hanno smesso di avere) le apparecchiature lecite AWP.

Nella documentazione che solitamente correda una siffatta pratica si “esigono” solenni certificazioni attinenti la mancata presenza di apparecchi leciti per il gioco, unitamente ad un “granitico ed eterno impegno” a non installarne mai (o mai più).

In un contesto ove la fiscalità del PREU erode pesantemente anche la spettanza dell’esercente, i diecimila euro annui che 4 awp garantiscono (MEDIAMENTE) come entrata netta ad un esercente, possono essere “ammortizzati” con altre entrate.

Quali ? Lotto e suoi derivati, Gratta e Vinci – Scommesse sportive – Servizi di pagamento bollette abbinati ai terminali delle lotterie ad estrazione.

Questi “sostitutivi”

  • possono lavorare h. 24 (e non le risicate ore concesse dalle varie ordinanze orarie sulle slot),

  • beneficiano di enorme pubblicità su TV-RADIO-INTERNET,

  • promettono “la vincita della vita” (ma anche la “micro-vincita” immediatamente ri-giocabile che genera la dipendenza),

  • non consumano elettricità, garantiscono utenza diversificata nell’età, nel portafoglio, nella razza,

  • permettono di annotare ricavi “totalmente riversabili” nel valore dell’avviamento commerciale (mentre le slot si accingono ad essere espulse quasi ovunque e quindi “non danno valore” al locale),

  • consentono sgravi fiscali e accessi privilegiati ai finanziamenti regionali (il privilegio sta nell’esclusione a cui vanno incontro i colleghi che le slot ancora le ospitano),

  • non attirano i controlli delle forze dell’Ordine e dei Monopoli, visto che il punto vendita non viene più censito all’elenco speciale del RIES.

Se poi qualche “rappresentante” concede l’uso di qualche “studiato TABLET”, la svolta dei guadagni è assicurata per lungo tempo (visto che la non appartenenza al circuito RIES estromette il locale dalle verifiche pianificate).QUESTO marchio “no slot” tutela le fasce deboli ? Impedisce alla pensionata di Voghera di rovinarsi? eleva il bar da “bisca” a “ristoro protetto per gli amanti del cappuccino?

Ovviamente no.

Se tutto ciò fosse solo demagogia e non “costasse” ai cittadini saremmo ancora nella “media” della (in-) efficienza politico-amministrativa delle città italiane, ma in realtà questo messaggio equivoco (in virtù del quale si dice che “il prodotto cattivo non c’è” , affermando implicitamente che tutti gli altri “sono buoni), costa parecchio.

Costa molto a quel 30% di malati di G.A.P. che non giocano agli apparecchi; costa molto alle Regioni che impegnano ore-settimane-mesi per decidere di che colore fare il marchio, di che materiale fare il logo, nonché pagare l’implementazione telematica della modulistica on line necessaria per inserire la procedura.

Costa a tutti gli utenti dei servizi sociali e sanitari che “vedono” i dipartimenti addetti alla loro tutela impegnati a costruire il progetto di marchiatura dei locali no-slot come accreditamento per il riparto dei 50 milioni riservati dal Bilancio Statale per “i progetti” di prevenzione al G.A.P.

La strada che porta agli errori madornali è sempre lastricata di buone intenzioni, e sicuramente chi ha avuto l’idea del “marchio NO-SLOT” pensava a qualcosa di simile al “no-azzardo”, ma “il topolino” che ne è fuoriuscito non ha reso l’idea, e chiunque può oggi apprezzarlo nella sua portata equivoca, forse più riconoscibile se lo si “trasporta per simulazione” al contesto dell’alcool: “no-campari”, si-grappa, si – vodka.

Molti cittadini iniziano ad assumere consapevolezza sempre maggiore su tali temi, e con sempre più resistenza si prestano a essere convinti da spot equivoci a valenza demagogica e dall’elevato costo di sistema.

Chi beve sa benissimo che l’assenza del campari non lo salverà dall’ubriacatura; chi gioca sa benissimo che “con quel tablet studiato apposta per lui” potrà fare nello stesso bar quello che faceva prima, e senza sporcarsi le mani con le monete, e chissà, a forza di “cappuccini etici” inizierà pure a chiedere “ma questa lotteria come funziona ? quanto si vince ?”.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.