AS.TRO Assotrattenimento 2007

Assegnazione agevolata ai soci anche per le societa in contabilità semplificata

L’assegnazione agevolata ai soci (articolo 1, commi da 115 a 121, legge 208/2015) è un regime fiscale di carattere temporaneo, già previsto in passato, che consente, tra l’altro, l’assegnazione ai soci di taluni beni immobili e di beni mobili iscritti in pubblici registri (cfr circolari 26/E e 37/E del 2016).
La legge di bilancio 2017 (legge 232/2016) ha, peraltro, ampliato l’ambito temporale del regime, applicandolo anche alle assegnazioni effettuate successivamente al 30 settembre 2016 ed entro il 30 settembre 2017.
La finalità dell’agevolazione, come si evince dalla lettura della relazione illustrativa, è quella di consentire “la fuoriuscita dalle società di immobili che potenzialmente potrebbero poi essere nuovamente immessi nel mercato, favorendo così la circolazione degli immobili e portando nuova linfa a un mercato che, a oggi, versa in una situazione piuttosto stagnante”.
In particolare, sono agevolabili:
– i beni immobili diversi da quelli utilizzati esclusivamente per l’esercizio dell’attività d’impresa
– i beni mobili iscritti in pubblici registri non utilizzati come beni strumentali nell’impresa.
L’agevolazione si traduce in una vantaggio sia per la società che assegna il bene sia per il socio che lo riceve.
La società, infatti, versa sulla plusvalenza da assegnazione del bene un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’Irap inferiore rispetto a quella ordinaria e pari all’8%, ovvero al 10,5% se è considerata non operativa o in perdita sistematica. La società, inoltre, ha la possibilità di determinare la plusvalenza da tassare prendendo a riferimento, in luogo del valore normale, il valore catastale del bene immobile da confrontare con il suo costo fiscalmente riconosciuto.
Per il socio, invece, il vantaggio si concretizza nell’irrilevanza fiscale degli importi assoggettati a imposta sostitutiva dalla società, sia nel caso di distribuzione di riserve di utili sia di capitale.
Da un punto di vista contabile, il bene fuoriesce dal patrimonio della società, annullando riserve di utili e/o di capitale in misura pari al valore attribuito al bene.
L’Agenzia delle entrate, nella circolare n. 37/E del 16 settembre 2016, richiamando il corretto comportamento contabile previsto nei casi di assegnazione dei beni ai soci, ha precisato che l’assegnazione comporta la necessità di annullare riserve (di utili e/o di capitale) in misura pari al valore contabile attribuito al bene in sede di assegnazione.
In particolare, il bene assegnato potrebbe fuoriuscire dalla società a un valore contabile diverso da quello preso a riferimento in sede fiscale: contabilmente, infatti, rileva il valore attribuito dal redattore del bilancio, mentre fiscalmente il valore normale o catastale previsto dalla norma agevolativa in esame. In altri termini, le riserve annullate contabilmente potrebbero essere di entità diversa rispetto al valore normale o catastale del bene preso a riferimento per la determinazione dell’imposta sostitutiva.
Nel documento di prassi viene ricordato, inoltre, che è possibile fruire della disciplina agevolativa in esame solo se vi siano riserve disponibili di utili e/o di capitale almeno pari al valore contabile attribuito al bene in sede di assegnazione.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.