AS.TRO Assotrattenimento 2007

Attivata in Europa una petizione per denunciare gli effetti espulsivi della legge piemontese

Dopo l’accordo raggiunto in Conferenza Unificata che ha fissato il programma di riordino dell’offerta di gioco sul territorio nazionale, i riflettori si accendono sul Piemonte perché si avvicina inesorabilmente il 1° dicembre, data in cui la legge regionale contro il gap inizierà a produrre i suoi effetti. Le proiezioni tecniche commissionate da Astro stimano un’espulsione del gioco legale sul territorio regionale intorno al 99%: quasi tutti i congegni legali non rispettano le norme regionali che impongono una distanza di 500m dai luoghi definiti sensibili e, pertanto, dovranno essere rimossi.

Per scongiurare un simile scenario, Astro sta agendo su più fronti: da un lato si sta lavorando per ottenere una proroga promuovendo incontri istituzionali in Regione con i rappresentati politici per illustrare gli effetti che la normativa avrebbe in termini di occupazione, bilancio, lotta alle patologie e al gioco illegale.

Dall’altro, prosegue il suo impegno al di fuori dei confini nazionali: a livello europeo, il 18 aprile scorso, è stata presentata alla Commissione Europea, una petizione a firma dell’on. europarlamentare Alberto Cirio (coadiuvato dal Presidente On. Mario Negro) per denunciare gli effetti distorsivi che la Legge Regionale del Piemonte avrebbe sulla concorrenza del mercato interno nel momento in cui impone il divieto di installazione di apparecchi da intrattenimento dal raggio di 500m rispetto ai cd. luoghi sensibili.

In particolare, nella petizione viene denunciata la violazione del principio di proporzionalità: l’effetto espulsivo del ‘distanziometro’ sarebbe sproporzionato rispetto all’obiettivo di scoraggiare il gioco d’azzardo patologico costituendo, al tempo tesso, una palese violazione delle libertà di stabilimento (articolo 49 TFUE) e di prestazione dei servizi (articolo 56 TFUE). Il risultato sarebbe una palese distorsione della concorrenza fra esercenti commerciali che gestiscono gli apparecchi in questione a seconda della loro ubicazione.

Con la petizione, viene richiesto l’intervento urgente della Commissione Europea ed una sua pronuncia sulla compatibilità di tale normativa con le libertà economiche del mercato interno, senza sottovalutare i risvolti critici sull’occupazione (solo in Piemonte sono a rischio circa 11.500 posti di lavoro).

Viste le resistenze nei confronti del nostro settore, è importante che la Politica si renda conto che, dietro la decisione al vaglio della Commissione, ci sono imprese virtuose, lavoratori onesti, dipendenti e famiglie che vivono grazie ai proventi del gioco legale e che non posso essere cancellate con un colpo di spugna da normative espulsive e sproporzionate che favorirebbero il riemergere del gioco illegale.

Abbiamo il DOVERE e l’ URGENZA di mostrare quanti siamo ed è importante che ciascuno dia il proprio sostegno supportando la petizione: in ballo c’è la sopravvivenza del settore ed il futuro di migliaia di persone.

Farlo è semplicissimo: bisogna cliccare su questo link, registrarsi, trovare la petizione 0362/2017 e sostenerla.

In allegato trovate, inoltre, una guida che vi aiuta passo passo al sostegno della petizione.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.