AS.TRO Assotrattenimento 2007

AS.TRO chiede di partecipare al tavolo tecnico indetto dalla prefettura di Pordenone

A dicembre dello scorso anno, il Comune di Pordenone ha emanato un’ordinanza che limita gli orari di funzionamento dei congegni da gioco lecito e, come si apprende dagli organi di stampa, nelle prossime settimane il Prefetto, Dott.ssa Maria Rosaria Laganà, convocherà un tavolo tecnico con le forze dell’ordine, gli amministratori locali e le autorità sanitarie.

All’ordine del giorno del tavolo ci sarà l’ordinanza del Comune di Pordenone e l’obiettivo finale sarà quello di estendere il provvedimento sindacale ai Comuni limitrofi, trasformandolo, quindi, in una protocollo valido su base provinciale.

In ragione del fatto che non si è attivato un coinvolgimento delle rappresentanze di settore, As.Tro ha avanzato una formale richiesta di partecipazione al Tavolo Tecnico, nell’auspicio che l’istanza venga accolta e venga consentito un confronto con le associazioni di categoria degli operatori chiamati a darvi attuazione.

Essendo quella del gioco lecito una materia particolarmente complessa, diventa fondamentale l’opera di approfondimento con le categorie economiche coinvolte che, molto spesso, sono in grado di fornire dati, posizionamenti tecnico-scientifici e proposte ‘di comparto’ che potrebbero risultare maggiormente efficaci nella risoluzione delle problematiche legate al gioco, rispetto ai già avviati processi restrittivi (che, in molti casi, si pongono in aperta antitesi con gli accordi raggiunti dalla Conferenza Unificata dello scorso 7 settembre in merito al riordino dell’offerta di gioco lecito sul territorio nazionale)

Nella speranza, quindi, che il dibattito sul gioco lecito possa finalmente instaurarsi su quei binari tecnici e di approfondimento nel merito dei singoli profili critici, Astro auspica un positivo riscontro da parte della Prefettura per arrivare alla realizzazione di un tavolo di lavoro condiviso che possa finalmente assumere decisioni efficaci, coerenti e misurate sulle istanze di tutti gli attori coinvolti.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.