AS.TRO Assotrattenimento 2007

I controlli del Fisco su Facebook

Negli ultimi tempi, il Fisco ha preso di mira i social network. E così, pubblicare la propria vita su Facebook o su Instagram può attirare le attenzioni degli uomini del Fisco e dei tribunali chiamati a dirimere le controversie tra contribuenti e Agenzia delle Entrate.
I post pubblicati on line dal contribuente, dal punto di vista giuridico, costituiscono delle vere e proprie confessioni che possono consentire l’avvio di un accertamento fiscale. Le pagine dei social network possono essere infatti riprodotte con qualsiasi mezzo, stampate e portate come prova.
Logicamente, per scoprire gli evasori, non basta soltanto la pubblicazione di un post o di una foto su facebook, ma è necessario che vengano forniti altri riscontri oggettivi. Dal momento che i social network rappresentano una sorta di luogo pubblico (anche se virtuale), i post e le foto postate possono essere utilizzate da chiunque perché non ci sarebbe violazione della privacy. L’Agenzia delle Entrate è quindi legittimata a utilizzare questo materiale come prova contro gli evasori.
Ecco allora che negli ultimi tempi si sono moltiplicati i casi di contribuenti italiani condannati dai tribunali grazie alle foto postate su Facebook o su altri social network. Di seguito diamo evidenza di alcuni degli ultimi casi pubblicati dalla stampa specializzata di settore e che hanno suscitato un discreto interesse.
La sentenza numero 295 del 26 marzo 2015 del Tribunale di Pesaro condannava un imprenditore a pagare alla moglie l’assegno di mantenimento dopo che il tribunale è entrato in possesso di foto postate sui social che vedeva l’imprenditore trascorrere le vacanze a Madonna di Campiglio in prestigiosi hotel a 4 stelle. Peccato però che il reddito dichiarato dall’imprenditore fosse solo di 11 mila euro l’anno.
Altra importante decisione è quella della Corte di Appello di Ancona che, con la sentenza n. 331 del 28 febbraio 2017, condannava un uomo a pagare le spese processuali e gli arretrati dovuti al coniuge a titolo di mantenimento perché gli accertamenti effettuati sul suo profilo Facebook rivelavano che le difficoltà economiche manifestate dall’uomo erano solamente un pretesto per non pagare l’assegno alla moglie. Le foto pubblicate su Facebook evidenziavano tutt’altro tenore di vita!
Un altro caso riguarda la Corte di Appello di Brescia che, con la sentenza n. 1664 del 1° dicembre 2017, condannava un artigiano che lavorava in nero, senza dichiarare nulla al Fisco. Secondo il Tribunale, la documentazione estratta da Facebook dava evidenza di un’attività che molto probabilmente era fonte di redditi non dichiarati dall’artigiano.
I social network sono considerati una piazza immateriale che consente un numero indeterminato di accessi e di visioni, rese possibili dal progresso tecnologico e quindi, chiunque, Agenzia delle Entrate e Tribunali compresi, può attingere da questo luogo virtuale tutte le informazioni necessarie per perseguire illeciti tributari, civili e penali.
Fonte: Centro Studi CGN

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.