AS.TRO Assotrattenimento 2007

Ordini di chiusura per le sale dedicate di Forlì: il commento dell’avv. Boccioletti (As.tro)

È di queste ore la sorprendente iniziativa del Comune di Forlì che sta comunicando agli esercenti interessati l’obbligo di chiusura, entro fine mese, delle sale VLT poste a meno di 500 metri dai cd. luoghi sensibili, in pretesa conformità alla L.R. 5/13.

Sono concessi agli operatori poco più di venti giorni per dismettere l’attività aziendale, con l’unica alternativa possibile del trasferimento in un altro luogo del territorio comunale. Detto trasferimento, però, dai dati in nostro possesso, non è realizzabile perché nel territorio forlivese non vi sarebbero “spazi” disponibili per le decine e decine di attività coinvolte, anche alla luce delle norme del piano regolatore vigente che consentono, ovviamente, l’esercizio delle attività di sale gioco solo in alcune zone.

Gli imprenditori del settore confidavano che il Comune sospendesse l’iter accettando la loro presenza nel forlivese, visto che nel provvedimento di dicembre contenente la mappatura era previsto espressamente che le lettere di chiusura sarebbero state inviate agli operatori solo dopo il recepimento a livello nazionale dell’intesa della Conferenza Stato-Regioni.

L’avvocato Filippo Boccioletti, che affianca As.Tro nei rapporti con le istituzioni emiliano – romagnole regionali e locali, e che sta monitorando l’applicazione da parte dei singoli comuni delle norme sulle distanze dai luoghi sensibili, interpellato ha affermato che: “Gli imprenditori interessati possono subito rivolgersi al Tar, i tempi imposti dal Comune di Forlì impongono di richiedere una misura presidenziale che sia monocratica e ante causam, motivata sul repentino cambio di rotta, rispetto alle precedenti determinazioni, del Comune di Forlì e sul termine irrisorio previsto per la chiusura”.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.