AS.TRO Assotrattenimento 2007

EMENDAMENTI AL DECRETO DIGNITA’: IL COMMENTO DI MASSIMILIANO PUCCI

Sono oltre 150 gli emendamenti presentati alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro all’articolo 9 del disegno di conversione in legge del Decreto Dignità, che prevede il divieto assoluto di pubblicità del gioco e l’aumento del Preu per gli apparecchi da gioco lecito. L’esame dell’ammissibilità degli emendamenti è iniziata nella giornata di ieri, 23 luglio, mentre il testo è atteso in aula, per la discussione generale, giovedì 26 luglio.

“Tutto cambia perchè nulla cambi: sembra essere questo il comune denominatore che collega il Decreto Dignità ai numerosi emendamenti presentati allo stesso.

Oltre alla previsione del divieto assoluto di pubblicità -sul quale ribadisco la possibilita di trovare un’alternativa contemperando i diversi interessi in campo -, ancora una volta assistiamo all’ennesimo innalzamento dell’aliquota Preu sugli apparecchi da gioco.

Così facendo si persiste nella volonta di danneggiare solo le aziende di gioco senza preoccuparsi realmente della tutela del giocatore. La macelleria fiscale dell’ultimo triennio e la nuova ventata di proibizionismo locale stanno costringendo gli imprenditori che si occupano di gioco a mollare, cedendo il passo alle organizzazioni criminali, e l’ultima relazione Dia lo ha confermato”. E’ questo il commento del Presidente As.Tro Massimiliano Pucci.

“Tra i vari emendamenti, attenzione poi alla proposta sui pagamenti elettronici. In una fase in cui è evidente la richiesta -proveniente dai territori- di una decrescita dell’offerta e della spesa di gioco, c’è ancora chi propone emendamenti sul pagamento elettronico: anche un bambino sa che sostituire la monetina con la carta di credito significa far perdere al giocatore la percezione di quanto sta spendendo. E’ una misura pericolosissima per le ricadute sociali che comporterebbe: gli studi scientifici lo hanno dimostrato ed alla Politica chiediamo di sostituire le proprie convinzioni personali con le evidenze scientifiche.

Sarebbe più efficace, invece, sfruttare la tecnologia di cui vive il settore per recepire le istanze che invocano una maggiore sicurezza per il prodotto gioco: l’industria può – ed è in grado di- rispondere a tutte quelle richieste, ad esempio, costruendo prodotti capaci di avvisare l’utente quando esagera, capaci di controllare la maggiore età del giocatore o tracciare il flusso di gioco per impedire i fenomeni di riciclaggio”.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.