AS.TRO Assotrattenimento 2007

Ordinanza oraria del comune di Firenze: il commento di Lorenzo Verona

Nei giorni scorsi, il Comune di Firenze ha varato un’ordinanza che limita gli orari per l’accesso agli esercizi autorizzati e l’utilizzo degli apparecchi da gioco lecito per sei ore al giorno. In base al provvedimento, le sale dovranno rimanere chiuse dalle 18 alle 24 tutti i giorni, mentre i congegni dovranno essere spenti dalle 13 alle 19 negli altri esercizi autorizzati (bar, ristoranti, alberghi, rivendite di tabacchi, esercizi commerciali, agenzie di scommesse, sale bingo).

Il provvedimento segue il regolamento sul gioco lecito approvato dal Consiglio comunale lo scorso novembre, il quale vietava l’apertura di sale slot e l’installazione di nuovi congegni da gioco nel raggio di 500 metri dai cd luoghi sensibili e rimandava, poi, ad apposite ordinanze, la limitazione degli orari di apertura e l’introduzione di fasce orarie di interruzione quotidiana del gioco.

<<Mancano dati scientifici che dimostrino che la riduzione degli orari faccia diminuire la dipendenza da gioco, anzi simili provvedimenti hanno ormai esaurito la loro portata innovativa e sperimentale, portando a risultati non positivi tanto è vero che, ove già emanate, se ne è riscontrata l’inutilità per la concreta tutela delle fasce deboli della popolazione. L’unico effetto ottenuto è stato lo sposamento della domanda verso altre offerte di gioco non colpite dalle limitazioni>> Questo il commento di Lorenzo Verona, Responsabile del Territorio di As.Tro

<<Inoltre, non ci risulta che Anci Toscana – con la quale era stato avviato un percorso di confronto e dialogo sulla materia, ispirato al principio di leale collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti- abbia partecipato alla condivisione del provvedimento di Palazzo Vecchio>>

<<Stiamo già predisponendo i ricorsi da presentare al Giudice Amministrativo, anche alla luce dei precedenti indirizzi del Tar Toscana che, ad esempio, ha bocciato l’ordinanza del Comune di Livorno in quanto non supportata da studi sufficienti a motivarla e che avrebbe dovuto fare da monito per le altre Amministrazioni comunali>>conclude Verona.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.