AS.TRO Assotrattenimento 2007

AS.TRO INCONTRA IL COMUNE DI PORTOGRUARO (VE): IL COMMENTO DEL CONSIGLIERE MICHELE CATTARUZZA

«Riteniamo inopportuno un nuovo regolamento sul gioco, visto che entro pochi mesi – così come previsto dal Decreto Dignità – il Governo interverrà a livello nazionale per il riordino del settore». Michele Cattaruzza, Consigliere dell’associazione nazionale As.Tro con delega alla Regione Veneto, parla dopo l’incontro che si è svolto ieri, 12 settembre, con i rappresentanti del Comune di Portogruaro, in provincia di Venezia. Durante la riunione, a cui hanno partecipato gli assessori Luigi Toffolo (Politiche sociali e sanitarie) e Luigi Geronazzo (Attività produttive), oltre alla Federazione Italiana Tabaccai e alle associazioni dei consumatori, è stata discussa la proposta del regolamento comunale in materia di giochi.

La bozza del provvedimento prevede una distanza minima di 500 metri tra sale/apparecchi da gioco e i luoghi sensibili, oltre ai limiti orari: l’attività sarebbe consentita dalle 9 alle 22, per un massimo di 10 ore, con interruzione obbligatoria dalle 13 alle 14.30 e dalle 18 alle 19. «Ho proposto un fascia unitaria di almeno 14 ore, a scelta dell’esercente», spiega Cattaruzza. Una richiesta basata su «esigenze diverse tra le diverse tipologie di esercizi: le tabaccherie seguono i loro orari di apertura e chiusura, mentre le sale giochi hanno ritmi diversi». Cattaruzza ha poi fatto presente il rischio di un “effetto boomerang” della regolamentazione sugli orari, che – come spiegato dalla psicoterapeuta Sarah Viola – può spingere il giocatore ad “accelerare” il ritmo delle partite quando si avvicina il momento del break e a riprendere con foga a giocare quando la finestra oraria si riapre. Il consigliere As.Tro ha infine proposto un trattamento differente per gli operatori che aderiranno a un piano di prevenzione e contrasto al gioco patologico, seguendo corsi formativi: «Per questi esercenti chiediamo una maggiore flessibilità sugli orari». La bozza rimane al momento allo studio del Servizio attività produttive; nel frattempo, As.Tro ha chiesto un ulteriore incontro all’assessore Geronazzo per fornire ulteriore documentazione sulla ludopatia e sul progetto “Un gioco buono per il territorio” sviluppato dall’Associazione.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.