AS.TRO Assotrattenimento 2007

Il bar del circolo culturale è una attività commerciale soggetta a tassazione

La Cassazione, con l’ordinanza n. 15865 del 15 giugno 2018, ha affermato che l’attività di gestione di bar con somministrazione di alimenti e bevande da parte di un ente non lucrativo può essere qualificata come non commerciale soltanto se la suddetta attività sia strumentale rispetto ai fini istituzionali dell’ente e sia svolta esclusivamente in favore degli associati.
Si ricorda che l’art. 4, comma 4 del DPR n. 633/72 sancisce che “si considerano fatte nell’esercizio di attività commerciali anche le cessioni di beni e le prestazioni di servizi ai soci, associati o partecipanti verso pagamento di corrispettivi specifici, o di contributi supplementari determinati in funzione delle maggiori o diverse prestazioni alle quali danno diritto, ad esclusione di quelle effettuate in conformità alle finalità istituzionali da associazioni politiche, sindacali e di categoria, religiose, assistenziali, culturali, sportive dilettantistiche, di promozione sociale e di formazione extra scolastica della persona”. Per quanto riguarda i redditi, l’art. 148, comma 3 del DPR 917/1986 dispone che “per le associazioni politiche, sindacali e di categoria, religiose, assistenziali, culturali, sportive dilettantistiche, di promozione sociale e di formazione extrascolastica della persona non si considerano commerciali le attività svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali, effettuate verso pagamento di corrispettivi specifici nei confronti degli iscritti, associati o partecipanti”.
Nel caso di specie, il circolo aveva cercato di difendersi eccependo che, come risultava da un verbale della polizia municipale che aveva effettuato un accesso presso i locali dell’attività, nessun soggetto terzo (non socio) era stato rinvenuto all’interno del circolo al momento dell’ispezione.
La Cassazione, rifiutando le motivazioni addotte dai rappresentanti del circolo, ha ribadito che al fine di usufruire della decomercializzazione (art. 148 del TUIR) ed esclusione ai fini IVA (art. 4 del DPR n. 633/72) è necessario che l’attività di bar sia strumentale rispetto ai fini istituzionali dell’ente e che sia svolta esclusivamente in favore dei soci.
Pertanto l’attività di bar con somministrazione di alimenti e bevande verso pagamento di corrispettivi specifici svolta da un circolo culturale non rientra in nessun modo tra le finalità istituzionali del circolo e deve ritenersi conseguentemente attività commerciale, anche quando viene effettuata esclusivamente in favore dei propri associati.
Fonte: Centro Studi CGN

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.