AS.TRO Assotrattenimento 2007

EMENDAMENTO ALLA LEGGE PIEMONTE IN COMMISSIONE BILANCIO: IL COMMENTO DI MASSIMILIANO PUCCI

“Questo emendamento è un dispetto agli imprenditori del settore. Prima decidono di cacciarci dalle città, chiedendoci di aprire altrove, purché lontano dai luoghi sensibili; ora ci dicono che neanche questi nuovi investimenti sono garantiti a lungo termine. La politica dovrebbe agevolare la vita delle imprese, non metterle alle corde. Abbia almeno il coraggio di abolire l’intero settore del gioco e di non prendere in giro aziende e lavoratori del comparto”. E’ questo il commento di Massimiliano Pucci, Presidente dell’associazione As.Tro, alla modifica della legge piemontese n.9/2016, che ieri ha ricevuto il via libera dalla Commissione Bilancio del Consiglio Regionale del Piemonte. In caso di approvazione in Aula dell’emendamento proposto dalla maggioranza, i titolari di sale ed esercizi pubblici con apparecchi di gioco dovranno chiudere o trasferirsi -entro quattro o otto anni, a seconda dei casi- ogni volta che nelle loro vicinanze sorgerà un nuovo luogo considerato sensibile dalla legge.

“In Piemonte – continua Pucci – siamo ormai alla sparizione del gioco lecito. Ringrazio i sindacati che stanno prendendo coscienza di una vera e propria emergenza occupazionale. Si preferisce colpire le aziende e i loro lavoratori piuttosto che prevenire e curare gli effetti problematici del gioco, convinti che eliminate le slot si risolvano tutti problemi legati alla ludopatia. Sembra un luddismo post moderno, proprio a Torino, dove in passato si combattevano battaglie per migliorare la qualità del lavoro, oggi si sta destrutturando un settore che fa vivere migliaia di lavoratori”.

L’analisi del Presidente As.Tro parte dalla realtà piemontese ma si allarga alla politica nazionale: “Da Presidente di un’Associazione di imprenditori, non posso che appellarmi anche ad altri settori. Dall’attacco al gioco fisico alle chiusure domenicali sembra chiara l’intenzione di spostare il commercio a un modello di vendita online con danni occupazionali gravissimi che presto si estenderanno anche ad altri settori”.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.