AS.TRO Assotrattenimento 2007

As.Tro replica al consigliere E-R Bertani: “E’ Lo Stato l’azionista di maggioranza del gioco”

“Voglio segnalare al consigliere Bertani che se fosse interessato ad individuare la vera ‘lobby’ del gioco dovrebbe rivolgere il suo sguardo verso Roma, dove al Governo ci sono i suoi compagni di partito: infatti è lo Stato il vero azionista di maggioranza del gioco, perché incassa il 20% delle somme giocate a fronte del 3-4% che rimane ai gestori dei congegni con i quali questi imprenditori devono pagare, tra l’altro, gli stipendi dei propri dipendenti anche per evitare che vadano ad aumentare la platea degli aventi diritto al reddito di cittadinanza.

Non c’è alcuna proroga, a differenza di quanto sostiene il consigliere Bertani del Movimento 5Stelle che evidentemente non ha approfondito sufficientemente la questione, come purtroppo accade quando i politici intendono solamente creare clamore e non affrontare seriamente le questioni. Se fosse stato vero quanto da lui sostenuto, sarebbe stata una grande notizia per imprese e lavoratori. La verità è che quelle che in Emilia-Romagna lui definisce “lobby del gioco d’azzardo” stanno chiudendo proprio perché non c’è alcuna proroga, ed infatti stiamo inviando alla Regione una lettera con cui chiediamo l’apertura dello stato di crisi delle imprese specializzate nel gioco». E’ quanto dichiara il Presidente di Astro, Massimiliano Pucci, commentando la denuncia del consigliere dei 5 Stelle, Andrea Bertani, secondo cui la Regione Emilia-Romagna si starebbe preparando ad un “colpo di spugna” sulla legge.

“L’Emilia Romagna è il posto in cui si è celebrato “Black Monkey”, il processo più importante in tema di infiltrazioni della mafia nel gioco. Le reti illegali stanno preparandosi a rientrare nel business: il pericolo di nuove infiltrazioni è enorme, soprattutto nei territori che stanno bandendo la rete del gioco legale”.

“Chiediamo, poi, a chi parla di gioco in Emilia-Romagna di indicarci dove mettere i lavoratori licenziati: ormai chi è impiegato nel settore è considerato di serie B, questo mi pare evidente. Di sicuro, il Governo – di cui fa parte il partito del consigliere Bertani – fino ad oggi ha solo aumentato le tasse sui congegni, non preoccupandosi delle sorti di migliaia di lavoratori», conclude Pucci.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.