AS.TRO Assotrattenimento 2007

Convention Global Starnet: l’intervento del Dott. Iaccarino (Presidente Centro Studi AS.TRO)

“Da qualche anno a questa parte, sulla lotta al gioco aumenta il consenso politico, soprattutto su alcune tipologie, come le slot”. È il parere di Armando Iaccarino, Presidente del Centro Studi di As.Tro, nel corso della Convention dei gestori Global Starnet, “Le regole del gioco. Il settore a confronto“.

“Farei un ragionamento: il gioco in Italia è soggetto a riserva statale. Lo Stato si era dato degli strumenti (le concessioni, le regole che controllavano lo sviluppo della filiera), che dovevano servire ad intervenire su un settore che era considerato a rischio (nel 2002 c’erano 700 mila videopoker illegali, ora le slot sono 265 mila), a tutelare il giocatore attraverso alcune regole ed a trasferire i profitti del gioco dal “sommerso” allo Stato e, quindi, ai cittadini stessi, alla collettività. Questo modello ha cominciato a zoppicare, oggi non si capisce cosa ne sia rimasto e non si capisce verso che direzione si vada”, sottolinea Iaccarino.

“Ci sono due cose che si ripetono ad ogni manovra,” –continua- “aumentiamo il preu ed aumentiamo i controlli. Sfatiamo un luogo comune: il gioco legale in Italia è probabilmente il più controllato in assoluto, a partire dai controlli sui soggetti che cominciano ad operare in questo mondo, in ragione di una concessione od autorizzazione. C’è una rete telematica che registra i movimenti che avvengono sulle macchine, ma si continua a dire “incrementiamo i controlli”, continuando a sprecare denaro. L’innovazione tecnologica potrebbe ridurre in maniera spaventosa i controlli fisici e, quindi, anche fare risparmiare soldi pubblici”.

A conclusione dell’intervento, infine, afferma: “ad esempio, riguardo l’emendamento alla legge di bilancio sull’accensione degli apparecchi, appena approvato in Commissione Bilancio della Camera: sappiamo che attualmente, attraverso la rete telematica, è possibile fare un monitoraggio. C’è bisogno di spendere soldi per una costruzione che non ha senso? Viviamo in un modo di diffidenza istituzionale. L’Agenzia che governa il settore è vista male, i Concessionari dello Stato sono visti male. La diffidenza porta al “carabiniere” vicino ad ogni apparecchio, una follia assoluta”.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.