AS.TRO Assotrattenimento 2007

Sardegna, approvata Legge Regionale: il commento di Massimiliano Orlandini

“La nostra posizione rimane critica nei confronti di una legge le cui modalità ricalcano quelle di altre amministrazioni, che non si sono rivelate efficaci”. Così il Vicepresidente dell’associazione As.tro e Responsabile della Regione Sardegna, Massimiliano Orlandini, commenta il via libera del Consiglio regionale sardo al testo unificato sul contrasto alla dipendenza da gioco.

La legge approvata vieta l’installazione di congegni da gioco entro un limite massimo di 500 metri da luoghi sensibili come scuole, impianti sportivi, luoghi di aggregazione giovanili. Chi ha già le autorizzazioni, ha l’obbligo di adeguarsi alle disposizioni entro cinque anni.

“Studi scientifici come quello dell’Istituto di Sanità hanno evidenziato che il “distanziometro” non è un deterrente per il giocatore patologico, ma anzi potrebbe essere un elemento di ghettizzazione e isolamento – continua Orlandini -. Da non trascurare, poi, l’inevitabile diminuzione del presidio legale sul gioco, che crea un ulteriore disvalore”.

Secondo il Vicepresidente As.tro “il problema del gioco patologico va riconosciuto, ma dovrebbe essere affrontato con basi realmente scientifiche”. Dopo l’ok alla legge, l’Associazione porterà avanti una serie di incontri con le amministrazioni locali: “Indubbiamente chiederemo ulteriori tavoli di confronto, sia alla Regione che al governo centrale, per trovare soluzioni realmente efficaci contro il gioco patologico, senza incidere inutilmente sui livelli occupazionali e sulla tutela della legalità”.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.