AS.TRO Assotrattenimento 2007

AS.TRO in audizione al comune di Livorno: le dichiarazioni del consigliere Andrea Laterza

Abbiamo presentato la nostra proposta al Comune di Livorno, spiegando le nostre osservazioni sul meccanismo delle distanze minime e sui limiti orari previsti nel nuovo regolamento sui giochi, esprimendo le perplessità per misure che in altri Comuni spesso non si sono rivelate efficaci. La Commissione congiunta si è riservata di convocare un tavolo tecnico a breve, prima del voto sul provvedimento”.

Andrea Laterza, consigliere per la Regione Toscana dell’associazione As.Tro, parla dopo l’incontro di venerdì pomeriggio, in occasione della seduta congiunta delle Commissioni Economia e Politiche Sociali, convocate per discutere sul nuovo regolamento giochi.

Nel testo è previsto il divieto di apertura per nuove attività legate al gioco, a meno di 500 metri di distanza da una serie di luoghi sensibili (uno stop che varrà anche per gli esercizi commerciali, compresi bar, tabacchi e ristoranti, che attualmente hanno già al loro interno le slot machine o le videolottery, ma che vorranno sostituirle o incrementarle di numero). Il regolamento rafforza inoltre i poteri del sindaco che potrà stabilire, adottando un’apposita ordinanza, sia l’orario di apertura dei nuovi locali, sia l’orario di funzionamento degli apparecchi per il gioco.

Oltre ai risultati di studi recenti, che hanno dimostrato l’inefficacia del distanziometro, As.Tro ha fatto presente alle Commissioni e all’assessore al Commercio Paola Baldari, che non tutti i luoghi sensibili individuati dal Comune – come i luoghi di culto – hanno caratteristiche che giustifichino una distanza minima”, continua Laterza.

Per quanto riguarda gli orari, invece, ci permettiamo di segnalare delle criticità sulla base delle esperienze riscontrate in altri Comuni”. Laterza si riferisce in particolare a “una tendenza generale a non distinguere, nella determinazione degli orari, tra gli esercizi generalisti come bar e tabaccherie, in cui sono installati apparecchi da gioco, e le sale giochi, nelle quali l’offerta di gioco è prevalente rispetto ad altre attività̀ collaterali”. Strutture diverse, con orari e picchi di attività differenti, “per le quali sarebbe opportuno pensare a fasce orarie differenti, in modo da ottimizzare l’efficacia delle limitazioni temporali, salvaguardando contemporaneamente il lavoro degli operatori di gioco”, conclude il consigliere As.Tro.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.