- AS.TRO Assotrattenimento 2007 - http://www.assotrattenimento.it -

AwpR, Riordino del settore e territorio: AS.TRO ai convegni di Enada Primavera

 

Il prossimo giovedì, 14 marzo 2019, As.tro parteciperà a due convegni organizzati in occasione della fiera Enada Primavera 2019 a Rimini.

 

Alle ore 11, il Convegno dal titolo: “AWPR: il modello di business”, organizzata da Jamma.it e Agimeg, vedrà la partecipazione –tra i relatori- del Presidente del Centro Studi Astro, Armando Iaccarino e del Vicepresidente As.tro, Massimiliano Orlandini.

Attraverso il contributo di operatori ed esperti della materia, l’incontro sarà incentrato sull’analisi del nuovo congegno da gioco che presto sarà chiamato a sostituire le attuali awp: si tratterà di un investimento importante per l’intera filiera che, dopo l’ultimo aggiornamento per l’adeguamento al nuovo payout, sarà obbligata a cambiare ancora una volta gli apparecchi per ‘trasformarli’ nelle annunciate AWPR.

Una simile evoluzione tecnologica, al tempo stesso, potrebbe essere anche una valida opportunità per il settore: così come, nei primi anni 2000, l’apparecchio newslot permise al settore di superare un momento di crisi condizionato anche dall’impatto ‘sociale’ del videopoker, oggi si auspica che la nuova generazione di congegni da gioco possa fare altrettanto.

Nel pomeriggio, alle ore 15, un secondo incontro in occasione delconvegno organizzato da Gioconews dal titolo “Riordino e territorio: in gioco c’è il futuro” che sarà incentrato su due delle principali questioni che oggi si trovano a fronteggiare (e a voler superare) gli operatori del settore: il tanto annunciato riordino del gioco pubblico e le attuali problematiche territoriali.

Durante il dibattito, che vedrà la partecipazione del Dott. Claudio Bianchella, Responsabile Territorio di As.Tro, si confronteranno levarie rappresentanze di categoria e si cercherà di individuare una proposta concreta da sottoporre a Politica e Istituzioni che possa contemperare i vari interessi in campo e possa essere un valido strumento per superare le criticità derivanti dalle normative locali, in attesa del varo del piano nazionale di riordino promesso dal Governo.