AS.TRO Assotrattenimento 2007

Fattura elettronica per carburante : non è obbligatoria l’indicazione della targa del veicolo

La fattura elettronica emessa per la cessione di carburanti non deve contenere obbligatoriamente la targa del veicolo. Questo è quanto chiarito dalla Circolare 30 Aprile 2018 n. 8/E e poi ribadito dall’Agenzia delle Entrate nel corso di Telefisco 2019.

La problematica era sorta in merito ai numerosi quesiti dei nostri associati in merito alla deducibilità delle spese di carburante dei mezzi di trasporto necessarie all’attività. Si ricorda infatti che la Legge di Bilancio 2018 (Legge n. 205 del 27/12/2017), al fine di prevenire e contrastare l’evasione fiscale e le frodi IVA, aveva introdotto una serie di novità. Tra queste l’obbligo di fattura elettronica per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti a partire dal 1° gennaio 2019, obbligo anticipato al 1° luglio 2018 per le fatture relative a “cessioni di benzina o di gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori” e per le “prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con un’amministrazione pubblica”.

Tuttavia, nonostante l’obbligo di fatturazione elettronica, il contenuto del documento resta il medesimo della fattura cartacea ed è regolato dagli articoli 21 e 21-bis del decreto IVA. Tali articoli del decreto IVA non prevedono che tra gli elementi obbligatori da indicare in fattura, in materia di cessione dei carburanti, vi siano anche la targa o altro estremo identificativo del veicolo (casa produttrice o modello), come era invece previsto per la scheda carburante. Di conseguenza tali indicazioni non devono essere necessariamente riportate nelle fatture elettroniche, ferma restando la possibilità di inserimento delle stesse nei documenti (campo “Altri dati gestionali” del file della fattura elettronica) ai fini di contribuire alla tracciabilità della spesa ed alla sua riconducibilità ad un determinato veicolo ai fini della sua stessa deducibilità.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.