AS.TRO Assotrattenimento 2007

Lavoro nero: sanzione anche per il pagamento fatto in contanti

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con nota prot. n. 9294 del 9 novembre 2018, rispondendo ad un quesito di un Ispettorato territoriale ha chiarito che la sanzione per il mancato utilizzo di strumenti tracciabili per il pagamento delle retribuzioni non è incompatibile con la maxisanzione per il lavoro “nero”: di conseguenza, alla prima tipologia di sanzione, andrà ad aggiungersi la sanzione amministrativa comminata per le irregolarità nella procedura di assunzione del lavoratore (preventiva comunicazione al Centro per l’Impiego).
In dettaglio analizziamo le due tipologie di irregolarità oggetto dell’intervento dell’Ispettorato del lavoro.
Come è noto dal 1° luglio 2018 è entrata in vigore la legge 27 dicembre 2017, n. 205, che dispone che i datori di lavoro o committenti non possono corrispondere la retribuzione per mezzo di denaro contante direttamente al lavoratore, qualunque sia la tipologia del rapporto di lavoro instaurato intendendosi per tale ogni rapporto di lavoro subordinato di cui all’articolo 2094 del codice civile, (con esclusione dei rapporti di lavoro instaurati con le pubbliche amministrazioni e per i contratti di lavoro degli addetti a servizi familiari e domestici) indipendentemente dalle modalità di svolgimento della prestazione e dalla durata del rapporto.
I datori di lavoro devono corrispondere la retribuzione e gli anticipi sulla stessa tramite banca o ufficio postale, ovvero utilizzando gli strumenti di pagamento tracciabili ai sensi del comma 910 dell’art. 1 della stessa legge.
Per tali inadempimenti gli stessi datori di lavoro rischiano una sanzione amministrativa pecuniaria consistente nel pagamento di una somma da 1.000 a 5.000 euro: sanzione, quest’ultima, che non si applica in relazione al numero dei lavoratori interessati dalla violazione, bensì al numero dei pagamenti non tracciabili effettuati nell’arco temporale di riferimento accertato (Inps nota 5828 del 4 luglio 2018).
Inoltre, considerato che in caso di lavoro nero la periodicità della erogazione della retribuzione può non seguire l’ordinaria corresponsione mensile, in ipotesi di accertata corresponsione giornaliera della retribuzione si potrebbero configurare tanti illeciti per quante giornate di lavoro senza assunzione sono state effettuate.
La cosiddetta maxi-sanzione è la sanzione amministrativa pecuniaria comminata per il rapporto di lavoro instaurato senza la preventiva comunicazione al Centro per l’impiego, di cui all’art.3, comma 3, del D.L. n. 12/2002 come modificato dal D.Lgs. n.151/2015 i cui importi sono:
a) da euro 1.500 a euro 9.000 per ciascun lavoratore irregolare, in caso di impiego del lavoratore sino a 30 giorni di effettivo lavoro;
b) da euro 3.000 a euro 18.000 per ciascun lavoratore irregolare, in caso di impiego del lavoratore da 31 e sino a 60 giorni di effettivo lavoro;
c) da euro 6.000 a euro 36.000 per ciascun lavoratore irregolare, in caso di impiego del lavoratore oltre 60 giorni di effettivo lavoro.
L’intervento dell’Ispettorato del lavoro in trattazione dispone che i due sistemi sanzionatori possono pacificamente cumularsi: infatti la sanzione per il divieto di retribuzione in contanti, “discende del comportamento antigiuridico adottato ed è posta a tutela di interessi non esattamente coincidenti con quelli presidiati dalla c.d. maxisanzione per lavoro nero”.
Il legislatore, sottolinea l’INL, quando ha voluto escludere l’applicazione di ulteriori sanzioni in caso di contestazione della maxisanzione lo ha fatto espressamente.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.