AS.TRO Assotrattenimento 2007

Dati sul gioco, AS.TRO scrive al Sindaco di Lissone (MB)

Pubblichiamo di seguito la lettera, a firma dell’avv. Isabella Rusciano del Centro StudiAS.TRO, inviata oggi al Sindaco del Comune di Lissone, in riferimento all’articolo apparso ieri -20 giugno- sul quotidiano Avvenire – Milano dal titolo “Lissone ‘gioca’ 114 milioni, 2.475 euro procapite. Il sindaco: campagne e progetti no-slot non bastano”.

Gent.ma Sindaca dott.ssa Monguzzi,

AS.TRO-Assotrattenimento 2007 è l’associazione nazionale di rappresentanza degli operatori del gioco lecito aderente a Confindustria SIT.

Leggendo attentamente l’articolo pubblicato ieri sull’Avvenire-Milano che riprende alcune Sue dichiarazioni, si afferma che nel Comune di Lissone sono stati “bruciati nel gioco 114 milioni (…) 2.475 euro pro-capite” e questa affermazione non corrisponde ai dati ufficiali pubblicati dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, pertanto si intende segnalare quanto segue.

Nell’articolo si dichiara che, nel 2017, sono stati spesi 114 milioni di euro quando, in realtà, quella cifra coincide con la raccolta complessiva di gioco, che è un dato ben diverso dalla spesa. La spesa complessiva, infatti, si ottiene sottraendo il dato delle vincite che ritornano ai giocatori (circa €91.5 milioni nel comune di Lissone) dalla raccolta: secondo i dati ADM, pertanto, la spesa complessiva di gioco è stata di poco superiore a 21.5 milioni.

Conseguentemente, non corrisponde al vero l’ulteriore dato della spesa annua pro-capite, che viene fissato in 2.475 euro, importo che – si legge ancora nell’articolo – “è di molto superiore a quello della provincia di Monza Brianza, dove la quota si ferma a 1.440 euro”: in realtà, la preoccupazione che si tende a generare con simili notizie, si fonda su un dato che, se correttamente analizzato, rivelerebbe invece un impatto complessivo del gioco lecito sulle preferenze di spesa che non dovrebbe generare simili allarmismi.

A Lissone, infatti, la spesa pro-capite nel 2017 è stata di circa 530 euro, ovvero 1,45 euro giornalieri (un dato che si ottiene facilmente dividendo il dato ufficiale della spesa con il numero degli abitanti della città lombarda) e che, tra l’altro, è di molto inferiore alla spesa indicata nell’ articolo in oggetto.

Lo scopo di questa precisazione non è quello di mettere in discussione le scelte politiche di un’amministrazione comunale finalizzata al contrasto delle problematiche legate al gioco o alla tutela delle fasce più vulnerabili della popolazione, ma solo auspicare l’utilizzo di dati corretti da parte delle Istituzioni pubbliche per calibrare le proprie decisioni che, inevitabilmente, si ripercuotono su tutta la comunità.

Apprezzando e condividendo sempre l’attività delle Amministrazioni locali nel voler tutelare le fasce deboli della popolazione e, consapevoli della necessità di porre un argine al fenomeno del gioco d’azzardo patologico, rappresentiamo la piena disponibilità a fornire – in modo dettagliato- tutta la documentazione di supporto a quanto detto e, nel contempo, avanziamo una formale richiesta di audizione finalizzata all’apertura di un tavolo di confronto con l’Amministrazione di Lissone.

Cordiali saluti,

Avv. Isabella Rusciano

Astro-Assotrattenimento2007

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.