AS.TRO Assotrattenimento 2007

Decreto crescita 2019: probabile proroga dei versamenti delle imposte di Unico 2019 al 30 settembre 2019 per i contribuenti soggetti ad ISA

Sembra finalmente in dirittura d’arrivo la proroga del termine, dal 30 giugno al 30 settembre, per il versamento delle imposte dovute dai contribuenti che applicano i nuovi ISA. L’evoluzione della situazione ed i ritardi accumulati nella predisposizione del nuovo strumento di accertamento in dichiarazione dei redditi, soprattutto negli ultimi giorni, ha indotto i politici ad accogliere la richiesta presentata nei giorni scorsi dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili.

Per i contribuenti soggetti agli ISA 2019 (il nuovo strumento di accertamento che ha sostituito gli studi di settore) è in arrivo quindi la proroga lunga al 30 settembre 2019 (e senza la maggiorazione dello 0,40 per cento). A prevederla un emendamento al decreto Crescita, che ha incassato il voto favorevole delle Commissioni bilancio e finanze della Camera.

Sono interessati alla nuova proroga tutti i contribuenti nei cui confronti trovano applicazione i nuovi ISA 2019. La nuova scadenza riguarda tutti i tributi collegati alla dichiarazione dei redditi: IRPEF, IRES, IRAP, ma l’IVA dovuta a saldo del 2018. La proroga è ampia in quanto non interesserà esclusivamente i contribuenti che decideranno di adeguarsi ai nuovi ISA.

Pertanto sembra oramai molto probabile lo spostamento

– al 30 settembre 2019 del termine di versamento delle imposte risultanti dai modelli REDDITI/IRAP/IVA 2019 a favore dei soggetti tenuti all’applicazione dei nuovi ISA;

– al 30 novembre 2019 del termine di presentazione (telematica) del mod. REDDITI / IRAP. Per il 2019, considerato che il 30 novembre cade di sabato, l’invio va effettuato entro il 2 dicembre 2019.

La soluzione mostra buon senso anche se si tratta, per il momento, solo di un emendamento al decreto Crescita non ancora approvato. L’emendamento però ha per ora incassato il voto favorevole delle Commissioni bilancio e finanze della Camera.

A cura del dott. Marco Minoccheri

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.