AS.TRO Assotrattenimento 2007

Tar Toscana, Pucci: “Il settore del Gioco chiede normalità”

Dal Tar Toscana arriva un punto di vista assolutamente inedito sull’annosa questione del distanziometro: le sale da gioco sono obbligate a rispettare le distanze minime dai luoghi sensibili, ma lo stesso obbligo ricade anche su chi gestisce spazi potenzialmente “sensibili”: “Il rispetto della distanza minima deve essere reciproco – si legge nella sentenza- e quindi dovuto anche da parte di una nuova attività, aggregativa di soggetti potenzialmente vulnerabili, che pretenda d’insediarsi all’interno della fascia di rispetto”.

Ragionando diversamente, verrebbe “irragionevolmente pregiudicato il diritto costituzionalmente tutelato” del gestore di “svolgere liberamente la propria attività imprenditoriale già in precedenza assentita, oltre che disconosciuti i principi di certezza del diritto e di affidamento nella stabilità delle situazioni giuridiche”.

“La sentenza del Tar Toscana stabilisce che siamo un settore normale, come gli altri. Finalmente si afferma un principio di civiltà giuridica: se qualcuno intende aprire un nuovo esercizio considerato “luogo sensibile” al di sotto della distanza dalle sale giochi fissata dalla normativa dovrà rispettare la distanza minima e non sarà l’impresa di gaming, già precedentemente autorizzato, a dover soggiacere alla regola.

Non è possibile, ad esempio, che l’apertura successiva di un negozio di “Compro oro” che magari paga poche migliaia di euro di affitto – o è il frutto dell’investimento ‘sleale’ della concorrenza – faccia chiudere una sala giochi con decine di dipendenti e milioni di euro di investimenti”. E’ iI commento di Massimiliano Pucci, Presidente Astro, alla sentenza del giudice amministrativo toscano.

“Spero che la decisione del Tar, quanto è avvenuto in Puglia con la modifica della legge regionale e, magari, un ripensamento del ministro Di Maio possano farci considerare a pieno titolo un settore economico “normale”. Intendiamoci, non vogliamo e non possiamo impedire alla politica di esprimere un giudizio sul comparto però bisogna avere il coraggio di decidere: o si abolisce il gioco pubblico, o si decide di regolamentarlo garantendo agli operatori le stesse prerogative garantite agli imprenditori di altri settore economici”.

“Non è un Paese normale – ne illuminato- quello in cui il Ministro dello sviluppo economico, per finanziare il proprio programma politico, porta la tassazione del settore a livelli mai raggiunti prima e, contemporaneamente, condanna quello stesso settore al pubblico ludibrio disattendendo i più elementari principi garantiti dalla nostra Costituzione: siamo stati tacciati di essere gli untori di questo Paese, ma le priorità che gli italiani chiedono vengano affrontate sono altre.

Se vogliono abolire questo settore, lo facciano: gli operatori possono essere anche pronti a cambiare lavoro ma non è un merito stringere tra le morse un settore che produce posti di lavoro, ricchezza per il Paese e tiene a bada la criminalità in un segmento delicato come quello del gioco. Basterebbe riflettere su quello che sta accadendo in Piemonte: il proibizionismo sta consegnando il territorio nelle mani della criminalità come dimostrano le ultime incheste condotte dalle Forze dell’ordine”, conclude Pucci.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.