AS.TRO Assotrattenimento 2007

Decreto crescita: bonus e incentivi

Si allarga la maglia delle agevolazioni: chi sostiene spese per interventi di efficienza energetica e di riduzione del rischio sismico può ricevere, in alternativa all’utilizzo della detrazione, un contributo anticipato dal fornitore che ha effettuato l’intervento, sotto forma di sconto sul corrispettivo spettante. Estesi anche ai motorini, moto, tricicli e microcar elettrici e ibridi gli incentivi per la rottamazione. Sono alcune delle novità contenute nel decreto crescita n. 34/2019 in materia di misure antisismiche e riqualificazione energetica (articoli 14 e 16 del Dl n. 63/2013) nonché di mobilità verde (articolo 1, comma 1057, legge di bilancio 2019).

Sismabonus
Con il decreto crescita sono state apportate modifiche alla disciplina che regola le detrazioni fiscali delle spese sostenute per gli interventi di riduzione del rischio sismico sugli immobili. In particolare, l’articolo 8 del decreto ha modificato il comma 1-septies dell’articolo 16 del Dl n. 63/2013 e ha introdotto il successivo comma 1-octies.
Con il primo dei nuovi commi citati vengono estese le detrazioni previste per gli interventi di rafforzamento antisismico realizzati mediante demolizione e ricostruzione di interi edifici anche all’acquirente di unità immobiliari ricomprese nelle zone classificate a rischio sismico 2 e 3 (in precedenza erano interessate dall’agevolazione soltanto le zone classificate a rischio sismico 1). I benefici consistono nelle detrazioni per le spese di rafforzamento antisismico nel caso di demolizione e ricostruzione di interi edifici, anche con variazione volumetrica rispetto a quella preesistente, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare, che provvedono, entro 18 mesi dal termine dei lavori, alla successiva alienazione dell’immobile. La detrazione è pari al 75% o all’85% (a seconda della riduzione del rischio sismico rispettivamente pari a uno o due classi) del prezzo di acquisto dell’immobile per un importo di spesa massimo di 96.000 euro e spetta all’acquirente delle singole unità immobiliari. La detrazione è ripartita in cinque quote annuali di pari importo. I soggetti beneficiari della detrazione possono optare, in luogo della stessa, per la cessione del corrispondente credito alle imprese che hanno effettuato gli interventi ovvero ad altri soggetti privati, con la facoltà di successiva cessione del credito. Rimane esclusa la cessione a istituti di credito e intermediari finanziari.
L’agevolazione è concessa per le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021.
L’articolo 10, comma 2 del decreto crescita, introducendo il comma 1-octies all’articolo 16 del Dl n. 63/2013, prevede, per gli interventi di adozione di misure antisismiche, la possibilità per il soggetto che ha diritto alla detrazione di optare, al posto della detrazione stessa, per un contributo di pari ammontare sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e a quest’ultimo rimborsato sotto forma di credito d’imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione, in cinque quote annuali di pari importo. Il fornitore che ha effettuato gli interventi ha, a sua volta, la facoltà di cedere il credito d’imposta ai propri fornitori di beni e servizi, con esclusione della possibilità di ulteriori cessioni da parte di questi ultimi. Resta comunque esclusa, anche in questo caso, la cessione a istituti di credito e ad intermediari finanziari.

Ecobonus
in materia di detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica, analogamente a quanto introdotto in tema di sismabonus, l’articolo 10, comma 1 del decreto crescita ha inserito nell’articolo 14 del Dl n. 63/2013 un nuovo comma che prevede la possibilità per il soggetto che sostiene le spese, di fruire, in alternativa all’utilizzo della detrazione fiscale, di un contributo anticipato dal fornitore che ha effettuato l’intervento, sotto forma di sconto sul corrispettivo spettante.
Tale contributo è recuperato dal fornitore che ha effettuato gli interventi sotto forma di credito d’imposta, di pari ammontare, da utilizzare in compensazione, in cinque quote annuali di pari importo, senza l’applicazione dei limiti di compensabilità. Anche in questo caso, come per il sismabonus, il fornitore che ha effettuato gli interventi ha a sua volta facoltà di cedere il credito d’imposta ai propri fornitori di beni e servizi, con esclusione della possibilità di ulteriori cessioni da parte di questi ultimi. Resta esclusa la cessione ad istituti di credito e ad intermediari finanziari.

Mobilità verde
Con l’articolo 10-bis il decreto crescita interviene sulla disciplina degli incentivi per l’acquisto di motocicli elettrici e ibridi nuovi, in cambio della rottamazione di analoghi veicoli più inquinanti. Il comma 1 riscrive l’art. 1, comma 1057 della legge di bilancio 2019 e detta nuove regole, estendendo l’incentivo all’acquisto, anche in locazione finanziaria, di ciclomotori e motoveicoli, sia elettrici che ibridi, per tutte le categorie L (da L1e a L7e, anziché alle sole categorie L1e ed L3e) a prescindere dalla potenza (viene rimosso il limite di potenza di 11 kW che escludeva molti modelli). La misura del contributo, che quindi riguarda i veicoli a due ruote, a tre ruote, quadricicli leggeri e non, rimane invariata al 30% del prezzo di acquisto e può arrivare ad un limite massimo di 3.000 euro, rimane. Viene, inoltre, previsto che per usufruire dell’incentivo è consentito rottamare, oltre alle categorie già previste euro zero, 1 e 2, anche un analogo veicolo euro 3, anche i ciclomotori che siano stati dotati di targa obbligatoria, come previsto dalla apposita normativa del 2011.
Il bonus vale solo se si è proprietari o intestatari da almeno dodici mesi dei veicoli (motorini, moto, tricicli e microcar) da rottamare, o se sia intestatario o proprietario, da almeno dodici mesi, un familiare convivente.

Fonte: Fisco Oggi

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.