AS.TRO Assotrattenimento 2007

L’intervista del Presidente As.Tro, Massimiliano Pucci a Gioconews.it, a margine dell’evento di presentazione del lavoro della Cgia Mestre

Riportiamo nel seguito l’intervista che il presidente As.Tro, Massimiliano Pucci, ha rilasciato alla testata di Gioconews.it, una volta conclusosi il convegno di presentazione del primo report sul gioco, a cura della CGIA Mestre.

Che impatto può avere sul settore del gioco questa ricerca della CGIA Mestre ?

E’ ancora presto per dirlo ma possiamo già affermare, non nascondendo un certo orgoglio, che i dati che ci offre consentono al mondo dei gestori di vedere finalmente suturata una ferita che era rimasta aperta dai tempi del c.d. “bozzone”, il progetto di riforma propugnato dal Governo Renzi.

In che senso?

Secondo quel progetto, la figura del gestore era sacrificabile perché si trattava di una categoria di “parassiti”. Non sto esagerando: questa fu esattamente la definizione che ci venne affibbiata nel corso del confronto che accompagnò quell’idea di riforma.

Ebbene, oggi la ricerca della CGIA Mestre dimostra, con rigore scientifico e non su calcoli fatti “per sentito dire”, che il segmento relativo ad awp e vlt, occupa, al di fuori delle società concessionarie, circa 60.000 addetti (compresi i dipendenti degli esercizi la cui attività prevalente non è quella legata al gioco, ad esempio bar e tabaccai, la cui stima è stata effettuata mediante un’analisi ponderata).

Un patrimonio umano rilevante.

Esattamente. Oggi il lavoro del centro studi veneto certifica che siamo la pietra angolare su cui si poggia l’intero comparto degli apparecchi: dalla gestione del prodotto, fino all’interlocuzione quotidiana con le istituzioni di prossimità, il settore non può fare a meno della nostra presenza.

Perché avete deciso di incaricare un ente terzo per questa ricerca?

Parafrasando Italo Calvino, un settore può passare attraverso catastrofi, ma deve al momento giusto ritrovare i suoi dei. Sentivamo il bisogno di intervenire su alcuni punti nevralgici e per farlo bisognava innanzitutto fare chiarezza sui numeri.

Un settore per essere credibile deve almeno conoscere se stesso. I nostri interlocutori spesso non ci hanno reputati credibili, per i troppi numeri che diffondevamo in libertà sperando che, suscitando allarme, si sarebbe potuta ottenere un’attenzione benevola da parte della classe politica. Nel mio taccuino di lavoro ho appuntato prima 300.000 dipendenti, poi 250.000, poi 150.000. Quando si sparano numeri a caso, non supportati da un metodo scientifico di elaborazione, si ottiene l’effetto contrario a quello auspicato: la totale perdita di credibilità. A quel punto diventa inevitabile, e per certi versi perfino comprensibile, che la politica rivolga al settore attenzioni tutt’altro che benevole.

A parte l’aspetto occupazionale, quali sono gli altri temi su cui si concentra la ricerca della CGIA Mestre ?

La ricerca è formata da 80 cartelle ed è il frutto di un anno di studi, tenterò qui di sintetizzarne alcuni aspetti.

Si parte dalla fotografia riguardante la diffusione territoriale delle imprese e dei rispettivi addetti, si passa poi alla quantificazione dell’esatto ammontare del gettito fiscale riferito ai soli apparecchi (AWP e VLT) con una efficace proiezione dell’incidenza delle risorse provenienti dal nostro settore sulle coperture dei recenti provvedimenti legislativi a più alto impatto mediatico: l’evidenziazione di quest’ultimo aspetto è di fondamentale importanza. La politica dovrebbe infatti gettare la maschera e rivelare quale sarebbe l’impatto sulle tasche dei cittadini di una politica proibizionista portata alle estreme conseguenze.

E lei è convinto che i dati offerti da questa ricerca possano veramente indurre la classe politica ad una riflessione in tal senso?

Onestamente no. Però, proprio grazie ai termini di raffronto sapientemente evidenziati dai ricercatori della CGIA, ora possiamo contare su “prove schiaccianti” per smascherare l’ipocrisia che sta inquinando il dibattito sul gioco che, da un lato, è raffigurato come il male assoluto mentre dall’altro è utilizzato come salvadanaio necessario per mantenere le promesse elettorali. Se gli ispiratori delle crociate etiche contro il gioco lecito fossero realmente mossi da buone intenzioni, si guarderebbero bene dall’attingere risorse da un settore da loro stessi additato come “criminale”.

Torniamo all’elencazione dei temi di cui si è occupata la ricerca.

Sempre rimanendo sull’argomento delle risorse erariali provenienti dagli apparecchi, la ricerca contiene l’analisi dell’impatto sul settore dei continui aumenti del PREU attuati nel corso degli anni, con una proiezione anche futura che tiene conto del già programmato aumento progressivo delle aliquote. Viene quindi evidenziata l’incidenza di tali politiche fiscali sui margini delle imprese del settore e il quadro che ne emerge è a dir poco allarmante, sia con riguardo alla sopravvivenza delle stesse imprese, che per le ricadute occupazionali. Nell’affrontare il tema della pressione fiscale e delle relative conseguenze, i ricercatori della CGIA hanno dettagliatamente quantificato anche l’incidenza delle altre imposte, riguardanti ogni tipologia di impresa (IRES, IRPEF, ecc.), che vanno a sommarsi al PREU. Quest’ultima operazione, che sembrerebbe ovvia, è invece di vitale importanza per dimostrare, contrariamente a quanto vorrebbero far credere i paladini dell’antigioco, che si sta parlando di un settore particolarmente penalizzato rispetto a qualsiasi altra attività d’impresa.

C’è anche un’interessante analisi dell’impatto delle restrizioni provenienti dalle normative regionali e comunali.

Non poteva mancare un simile approfondimento. Il settore sta subendo un attacco concentrico proveniente, come già detto, da una politica fiscale punitiva (è lo stesso On. Di Maio ad attribuirle esplicitamente tale valenza), a cui si stanno appunto accompagnando gli interventi delle Regioni e dei Comuni in materia di distanze dai c.d. “luoghi sensibili” e di limitazioni orarie al funzionamento degli apparecchi.

Questa collaborazione tra AS.TRO e la CGIA Mestre avrà un seguito ?

L’obiettivo di AS.TRO è quello di avere un monitoraggio costante su tutti gli aspetti che incidono sul nostro settore. Quindi il lavoro con la CGIA Mestre non finisce qui. Proseguirà con l’aggiornamento dei dati già elaborati e con dei focus regionali.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.