AS.TRO Assotrattenimento 2007

AS.TRO e Sapar scrivono alla Giunta dell’Emilia-Romagna: è urgente valutare gli effetti della legge

In Emilia-Romagna iniziano a registrarsi i primi effetti derivanti dall’applicazione del distanziometro di 500m imposto ai punti dedicati al gioco dalla Legge Regionale n.5/2013. Uno strumento -quello della distanza minima- adottato con il fine ultimo di contrastare la dipendenza da gioco d’azzardo ma con un’applicazione sul campo che rischia di mancare completamente l’obiettivo ispiratore.

Oggi, infatti, l’unico esito a cui si sta assistendo è quello della chiusura delle aziende di gioco legale e delle conseguenti perdite occupazionali, mentre mancano evidenze positive con riguardo alla lotta contro la ludopatia.

Alla luce di tali constatazioni, e prendendo in considerazione le ultime evidenze del Libro Blu sui dati di gioco in Emilia Romagna, è necessario procedere, con urgenza, ad una valutazione circa l’efficacia della legge regionale rispetto agli obiettivi che si prefiggeva, prima che venga sancita la cancellazione totale della rete terrestre di gioco legale e vengano lasciati ampi spazi di manovra al gioco illegale.

Partendo dal presupposto che la legge n.5 del 2013 contiene, all’articolo 9, una clausola che prevede che la Giunta presenti alla Commissione assembleare competente, avvalendosi dell’apporto dell’Osservatorio regionale sul fenomeno del gioco d’azzardo, una relazione valutativa della Legge Regionale, AS.TRO e Sapar hanno inoltrato alle Istituzioni competenti dell’Emilia Romagna un’istanza volta ad ottenere, con urgenza, la relazione valutativa di ritorno alla L.R. 5/2013.

In allegato il testo dell’istanza.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.