AS.TRO Assotrattenimento 2007

Deducibilità fiscale delle Auto immatricolate autocarro

Per talune categorie di mezzi di trasporto, la deducibilità dei costi non segue le limitazioni imposte dall’art. 164 del TUIR ma quelle ordinarie previste dal criterio dell’inerenza. Si tratta delle seguenti categorie:
– autocarri: veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all’uso o al trasporto delle cose stesse;
– autoveicoli per il trasporto promiscuo: veicoli destinati al trasporto promiscuo di persone e di cose (con abitacolo destinato almeno per la metà della sua superficie al trasporto di cose in modo permanente);
– autoveicoli per uso speciale: veicoli caratterizzati dall’essere muniti permanentemente di speciali attrezzature e destinati prevalentemente al trasporto proprio.
La possibilità di poter dedurre integralmente i costi facendo riferimento esclusivamente al principio dell’inerenza ha portato per tutti gli anni ‘80 e ‘90 molte imprese a dar sfoggio di fantasia immatricolando come autocarri le auto ad uso ufficio, nonostante il loro utilizzo fosse quello di una normale autovettura. Il buco normativo che poggiava le proprie basi su requisiti di natura esclusivamente formali come l’immatricolazione, si mostrò in tutta la sua debolezza con l’avvento dei SUV: veicoli immatricolati come autocarri che fecero emergere chiaramente il problema, inducendo il legislatore a correre ai ripari per identificare quali fossero i falsi autocarri.
E così, con l’obiettivo di contrastare tali fenomeni elusivi, l’Amministrazione Finanziaria ha emanato il provvedimento n. 184192 del 6 dicembre 2006. Tale provvedimento stabilisce i criteri per individuare i veicoli immatricolati come autocarro esclusivamente per motivi di convenienza fiscale.
I criteri, che si desumono dalla lettura del libretto di circolazione dell’autocarro, sono i seguenti:
1) codice di carrozzeria: possono rientrare tra i falsi autocarri i veicoli che, pur immatricolati come N1 abbiano codice di carrozzeria F0;
2) numero di posti: possono rientrare tra i falsi autocarri i veicoli che, pur immatricolati N1 offrano comunque almeno quattro posti per il trasporto di persone;
3) rapporto potenza/portata: possono rientrare tra i falsi autocarri i veicoli che, pur immatricolati come N1, abbiano un rapporto tra potenza del motore (Pt) espressa in Kw e portata del veicolo (P), ottenuta quale differenza tra la massa complessiva (Mc) e la tara (T), espressa in tonnellate, uguale o superiore a 180.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.