AS.TRO Assotrattenimento 2007

Saldo IMU: calcoli e pagamenti entro il 16 dicembre 2019

Il versamento dell’IMU, secondo quanto previsto dall’art. 9, comma 3, D.Lgs. n. 23/2011, articolo richiamato dall’art. 13 del D.L. 201/2011 può avvenire:
– in unica soluzione a giugno (quest’anno scadenza 17 giugno 2019)
– in due rate con scadenza giugno e dicembre.
In entrambi i casi bisogna porre attenzione sul fatto che nel versamento dell’acconto si applicano le aliquote previste per l’anno precedente. Di conseguenza, a dicembre, a seguito di possibili variazioni delle aliquote comunali, si dovrà verificare se sarà necessario corrispondere eventuali somme a conguaglio di quanto versato in unica soluzione a giugno; nel caso di versamento in due rate, invece, non è detto che il saldo di dicembre sia dello stesso importo dell’acconto calcolato 6 mesi prima. Dunque, per scoprire quanto versare in sede di saldo, si dovrà procedere con il calcolo annuale dell’imposta con le nuove aliquote pubblicate per l’anno 2019 e togliere quanto già versato in acconto. Una volta fatto, si andrà a versare il dovuto con scadenza 16 dicembre 2019.
Resta fermo ovviamente il termine del 28 ottobre come scadenza entro la quale i Comuni devono pubblicare nel sito del MEF le delibere con le aliquote delle imposte comunali. In caso di mancata pubblicazione entro tale termine, vengono applicate quelle dell’anno precedente.
Quest’anno tale accortezza è ancora più rilevante. Si ricorda infatti che per gli anni dal 2016 al 2018 era prevista la sospensione delle leggi regionali e delle deliberazioni degli Enti Locali ove prevedevano aumenti di tributi rispetto alle aliquote stabilite per il 2015. La Legge di Bilancio 2019 non ha riproposto per quest’anno la suddetta sospensione, restituendo di fatto agli Enti Locali la possibilità di esercitare pienamente la loro autonomia impositiva per quanto riguarda i loro tributi. Pertanto i Comuni potrebbero aver aumentato le aliquote fino al massimo consentito.
Nello stesso periodo in cui si parla della nuova IMU, con l’ipotesi di introduzione di una tassa patrimoniale unica sulla casa che assorba anche la TASI, la semplificazione fiscale muove i primi passi.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.