AS.TRO Assotrattenimento 2007

Stallo in Regione, Rusciano (AS.TRO): “Aspettiamo lo studio della Cgia Mestre”

“In Emilia-Romagna sembrerebbe non essere stata trovata alcuna soluzione in grado di contemperare le esigenze di salvaguardia della salute pubblica con quelle di tutela dell’occupazione e della libertà economica. Nonostante le precedenti aperture -ad oggi- nessuna proroga alla Legge regionale e, se la situazione non muta nei prossimi giorni, lo scenario che si prospetta davanti è facile da immaginare: le aziende chiuderanno e saranno costrette a licenziare, e paradossalmente, la Regione che ha visto celebrare il primo processo contro il gioco illegale, sarà proprio quella che riaprirà le porte al circuito clandestino avendo decretato l’espulsione dell’offerta di gioco lecito. L’Emilia-Romagna resta ormai l’unica regione in Italia a non essersi concessa un momento di riflessione”. L’avv. Isabella Rusciano di Astro commenta così lo stallo che si registra in Emilia-Romagna dopo l’incontro avuto lo scorso 3 dicembre tra il Governatore Bonaccini e i rappresentanti del settore, in cui era stata ventilata un’apertura ad una proroga da parte della Regione Emilia-Romagna.

“Come As.tro continueremo ad occuparci attivamente del caso Emilia-Romagna. Già il prossimo 15 gennaio verrà presentato lo studio inedito realizzato dalla CGIA Mestre che sarà focalizzato sulla dimensione economica dell’industria del gioco in Emilia-Romagna e che fornirà una proiezione della stessa alla luce della legislazione nazionale e locale. Il nostro auspicio è che i dati contenuti all’interno dello studio della CGIA Mestre possano essere un supporto fondamentale -soprattutto per la classe politica che si insedierà in Regione dopo le elezioni del 26 gennaio- per mettere a fuoco la situazione del comparto a livello regionale, considerando proprio la delicatissima situazione che, specialmente sul piano aziendale ed occupazionale, si sta registrando oggi sul territorio emiliano-romagnolo” conclude l’Avv. Rusciano.

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.