AS.TRO Assotrattenimento 2007

Bitcoin e criptovalute: il TAR Lazio si pronuncia sull’imposizione fiscale della moneta elettronica

Il trattamento fiscale dell’utilizzo delle criptovalute opera in forza della natura delle operazioni poste in essere mediante detti valori (oltre che, naturalmente, in base alla natura dei soggetti utilizzatori e delle relative attività, imprenditoriali o meno), laddove (e nella misura in cui) detto utilizzo generi materia imponibile”.

Così il TAR Lazio, sede di Roma, con la recente sentenza n. 1077/2020 dichiara la legittimità dell’obbligo imposto dall’Agenzia delle Entrate di inserire “nel quadro RW, tra i redditi finanziari di provenienza estera, anche le valute virtuali” con la conseguente imposizione fiscale delle stesse.

La sentenza desta un certo interesse per la novità della materia trattata. Il ricorso è stato presentato da associazioni per la diffusione della tecnologia “blockchain”, direttamente interessate per l’incidenza che una limitazione sul regime delle valute virtuali riflette sull’utilizzo di tale tecnologia.

I giudici amministrativi hanno ammesso la legittimità del monitoraggio dell’utilizzo delle valute virtuali e dei relativi mezzi di pagamento, da cui deriva la necessità e l’obbligo, al monitoraggio stesso finalizzato, di “dichiarare” tali valute nel modello unico ed in particolare nel quadro RW.

Gli stessi giudici, ammesso il “livello solo iniziale” della produzione giurisprudenziale sul punto, qualificano le “rappresentazioni digitali di valore” nei due orientamenti finora proposti, quello che le qualifica “beni immateriali ex art. 810 c.c.” e quello che le riconduce “alla categoria degli strumenti finanziari”.

In ogni caso, presa la nozione di “valuta virtuale” di cui all’art. 1 comma 2 let. qq d.lgs. 231/2007 la moneta elettronica è qualificabile non solo come mezzo di scambio ma contempla espressamente la possibilità che tramite il suo impiego si compiano operazioni di acquisto beni e servizi oppure finalità di investimento, recependo quella caratteristica duttile delle rappresentazioni digitali di valori sopra richiamata. Da ciò consegue una definizione che i giudici chiamano “funzionale” delle stesse “che impone di ricondurre alle pertinenti forme (esistenti) di tassazione non già il mero possesso di valute virtuali in quanto tali, bensì il loro impiego e la loro utilizzazione entro il novero delle diverse operazioni possibili, coerentemente con la loro natura effettiva che è – per l’appunto – “rappresentativa di valori” (sia pure scaturente da un riconoscimento pattizio e volontario dei soggetti che le utilizzano), che, a loro volta, sono costituiti da utilità economiche e giuridiche come tali valutabili e pertinenti al patrimonio del soggetto titolare, quindi espressivi di capacità contributiva”.

Quanto appena affermato, per i giudici amministrativi era già parte della disciplina generale prima dei provvedimenti impugnati dalle associazioni (quindi meramente ricognitivi ), sicché, le doglianze da queste nel merito addotte potranno essere fatte valere nel singolo rapporto di imposta, ma non in via generale.

Per tutte le ragioni qui brevemente riassunte, come è evidente, il TAR Lazio ha respinto i ricorsi, disponendo altresì una rilevante condanna alle spese.

A cura dell'avvocato Filippo Boccioletti

Print This Post

partner commerciali

roll 3/3

banner 1/2

banner 1/3

segui astro

Segui Astro su: Twitter
Segui Astro su: Facebook
RSS

Gioco resonsabile

  • Gioca per divertimento e non pensa al gioco come ad un modo per far soldi
  • Investe nel gioco solo somme di denaro che può permettersi di perdere e non gioca il denaro necessario al vivere quotidiano
  • Decide quanto tempo dedicare al gioco e non eccede
  • Decide quanti soldi investire nel divertimento e rispetta la decisione presa
  • Non rincorre le perdite accetta l’esito come costo dell’intrattenimento
  • Non chiede soldi a credito per giocare
  • Si assicura di conoscere le regole del gioco e le percentuali di vantaggio del banco
  • Bilancia il tempo che dedica al gioco con altre attività di svago
  • Non gioca per sfuggire alla solitudine o alla depressione gioca solo per la voglia di giocare
  • Non gioca se la sua lucidità è alterata dall’alcool o dalle droghe
  • chi lo ha adottato

    Chi lo ha adottato
    GMG GAMES SRL
    NOVARMATIC GROUP SRL
    MAREMMA GAMING SRL
    FIRENZE GAMING SRL
    UNIVERSO GAMING SRL
    ALBIERI SRL
    VNE SRL
    SARDAGIOCHI SRL
    NUOVA VIDEOGIOCHI SRL
    DELL’ANNA SRL
    BONORA ATHOS SRL
    FAVOLA SRL
    RICREATIVO B
    ROYAL 777 SRL
    NOVAGAMES SAS
    DONDOLINO ROYAL SRL
    LUCKY SHOT GAME
    ELETTROGIOCHI GARUTI SRL
    PIANETA GIOCHI SRL
    OK GAMES SRL
    LOTTO SERVICE SRL
    MAZZETTOGIOCHI
    LASERVIDEO POINT di LIGURGO COSIMO

    confindustria-sit

    Sistema Gioco ItaliaDall’adesione delle associazioni del gioco e dell’intrattenimento a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici nasce Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera che riunisce e rappresenta 5.800 imprese del settore dei giochi.