Pileri: approccio Agcom sul digitale pienamente condivisibile

Confindustria
Ufficio Stampa
22 Settembre 2010

A margine della relazione dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, presentata da Corrado Calabrò il 6 luglio, il Presidente Stefano Pileri ha espresso “Vivo apprezzamento per le indicazioni e gli stimoli che l’Agcom ha dedicato al percorso di trasformazione e di evoluzione dell’Italia verso l’economia digitale”. “Per promuovere un cambio di passo della nostra economia – ha continuato Pileri – il Paese ha ora bisogno di un progetto nazionale che punti a cogliere l’intera gamma delle opportunità offerte dal digitale: contenuti, servizi, infrastrutture e crescita di know how. A questo scopo bisogna muoversi in parallelo per sviluppare: le Reti di Nuova Generazione basate sulla diffusione della fibra ottica per le infrastrutture fisse e sulla disponibilità di nuove frequenze per la banda ultra larga mobile; i Servizi Digitali, attraverso norme che ne rendano l’uso più semplice, economico e utile per i cittadini e le imprese, a partire da quelli della Pa, sanità, scuola, efficienza energetica e reti intelligenti per l’energia (Smart Grid), per la sicurezza e i beni culturali; i Contenuti Digitali come fattore di evoluzione dell’informazione, editoria, intrattenimento e di valorizzazione del nostro patrimonio artistico, culturale e naturale a beneficio di una forte ripresa del prodotto turistico”. “Il Presidente Calabrò – ha concluso Stefano Pileri – ha tracciato una strada che trova Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici già impegnata, attraverso il Progetto “Italia Digitale”, a coinvolgere il mondo delle imprese e ad affiancarsi al Governo per identificare e facilitare i percorsi attuativi. In questo contesto CSIT guarda inoltre con estrema attenzione alle iniziative in atto tese ad accelerare lo sviluppo delle infrastrutture per le Ngn”.